3 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Virtus Divino Amore, Mosciatti: “Col Garbatella vorrei una grande prestazione”

E’ probabilmente il momento più delicato della stagione della Virtus Divino Amore. La squadra di mister Nazzareno Mosciatti per la prima volta ha rimediato due sconfitte di seguito, un doppio 0-1 contro il Città di Nettuno in casa e poi domenica scorsa sul campo dell’Arcefo. Domenica si torna al Millevoi per la sfida con l’Atletico Garbatella, squadra quart’ultima nel girone F di Prima categoria e dunque bisognosa di punti salvezza. «Troveremo un avversario molto motivato – dice Mosciatti – e sarà sicuramente una partita difficile. Ma noi vogliamo riprendere il cammino pur avendo ancora qualche problema di formazione tra infortuni e la squalifica di Ricciardulli». L’esperto tecnico ha catechizzato i suoi ragazzi in settimana. «Martedì, di fatto, abbiamo trascorso l’allenamento nello spogliatoio per parlare di ciò che è avvenuto nelle ultime due partite. Il senso del discorso rimarrà all’interno del gruppo, ma è emersa chiaramente la voglia di riscatto dei ragazzi. Se sono fiducioso? Lo dirò domenica all’ora di pranzo… Quello che mi auguro principalmente, comunque, è di vedere una grande prestazione. Il risultato, spesso, è quasi una conseguenza». Mosciatti rimarca anche alcuni problemi che hanno condizionato l’ultimo periodo della Virtus Divino Amore. «Indubbiamente abbiamo subito alcuni infortuni penalizzanti e soprattutto molto gravi: Paloni si è rotto il collaterale, Matarazzo e Pentrella hanno subito entrambi la lesione di crociato e il menisco. A livello di organico non abbiamo le alternative delle attuali prime quattro della classe, però nelle ultime due partite abbiamo perso con squadre di medio-bassa classifica e questo ci deve comunque far riflettere». La Virtus Divino Amore è scivolata al quinto posto anche se il Fonte Meravigliosa secondo è appena a quattro punti di distanza. «In questi momenti servirebbe un grande spessore caratteriale e forse da quel punto di vista a noi manca qualcosa – conclude Mosciatti -, ma vogliamo finire al meglio il campionato per non vanificare quanto di buono fatto fino a due settimane fa».