3 dicembre 2016

Unioni Civili, On. Pollastrini, PD: “Renzi avrebbe dovuto osare di più. Istituzioni italiane ancora troppo poco laiche”

L’On. Barbara Pollastrini, deputata del Pd, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Barbara Pollastrini è stata ministro per le pari opportunità del Governo Prodi nel 2007 e fu una delle relatrici del disegno di legge DICO, il cui iter legislativo si interruppe con la caduta del Governo Prodi. “Ci furono senatori e senatrici che dissero che era intervenuto lo Spirito Santo per far cadere il governo e di conseguenza i dico” ha raccontato Pollastrini.

Se guardo indietro –ha aggiunto-, capisco le ragioni che possano aver fatto scegliere al premier Renzi la strada della fiducia, per avere la certezza che la legge sulle unioni civili possa andare in porto anche senza stepchild adoption. Capisco il realismo, ma se guardo che la società è cambiata, la spinta dell’Europa è forte, io avrei osato di più. Sarei andata in aula e avrei misurato in aula le dichiarazioni di disponibilità che fuori dall’aula danno molti parlamentari, col rischio che qualche voto segreto facesse scattare il tranello. La scelta è tra la certezza di una legge non completa e l’osare in un Senato che presenta sempre insidie. Le istituzioni italiane non sono ancora sufficientemente laiche. Riconosco il valore che porta il pensiero dei credenti, legato al solidarismo, all’umanesimo e al dialogo, ma so che in Italia c’è anche un pensiero liberale e di sinistra che conosce il valore del dialogo. Insieme, non abbiamo ancora prodotto una classe dirigente che agisca in autonomia secondo il principio della laicità dello Stato. Il Pd è nato con tante anime, io credo che il Pd possa diventare un partito storico se assume sempre di più un profilo di sinistra. Mi dispiace che sia stata stralciata la stepchild perché, in tutta questa partita, a pagare il prezzo più alto sono stati i bambini. Non ci sono diritti di serie A e serie C. Mi è sembrato che l’opinione pubblica sia stata un po’ sballottata e c’è stato un tentativo di orientamento dell’opinione pubblica. E’ una situazione che avevamo già vissuto per il referendum sulla fecondazione assistita. Anche all’epoca, molto più di ora, ci fu un’ingerenza pesantissima da parte della Chiesa che predicò l’astensione al referendum. C’è sempre un tentativo di manipolazione, che nasce dalla sfiducia che si ha nella responsabilità delle persona. Sono convinta che i diritti si possano interpretare in due modi: quello progressista vede l’allargamento dei diritti come risorsa per aumentare la responsabilità della persona; quello conservatore lo interpreta come una minaccia alla tenuta della comunità”. 

Sull’alleanza del governo con Alfano e Verdini. “Io secondo Renzi faccio parte della compagnia dei ‘gufi’ –ha affermato Pollastrini-, nel senso che sono della minoranza del Pd, alle primarie votai Cuperlo. Noi facciamo la nostra battaglia delle idee perché il Pd rimanga ancorato a sinistra e sia sempre più capace di allargare il suo rapporto con la sinistra che è anche fuori di noi. Abbiamo detto spesso a Renzi di non cercare alleanze con persone culturalmente e idealmente distanti da noi. In un Pd che fuoriuscisse totalmente dalla sinistra non potrei esserci io”.

Fonte: Radio Cusano Campus