7 dicembre 2016

Civitavecchia – Il gruppo consiliare M5S replica al Pd

Il fatto che Enel abbia chiesto un passaggio in consiglio comunale dello schema di attualizzazione dell’accordo 2008 con il Comune di Civitavecchia è dipeso dalle pressioni del Pd. Lo hanno infatti dichiarato candidamente, senza neanche vergognarsi un po’, Tidei padre e figlia su vari mezzi di informazione.

Ricordiamo brevemente solo poche tappe del percorso: l’11 dicembre Enel e Sindaco di Civitavecchia firmano lo schema di attualizzazione, il 15 dicembre l’opposizione locale guidata dal Pd compie il tristissimo “viaggio della speranza” a via Regina Margherita (sede di Enel), il 17 dicembre la Giunta comunale prende atto della firma di Cozzolino mentre il 31 dicembre, senza che se ne fosse mai parlato prima, l’azienda elettrica impone tramite CDA un passaggio in consiglio comunale. Al di là dell’incredibile ingerenza che Enel ha provato a compiere, pretendendo di decidere quale organo pubblico sia titolato alla ratifica di un atto pubblico, di fatto sostituendosi al garante della legittimità degli atti pubblici quale dovrebbe essere solo il segretario comunale, oggi abbiamo le prove certe che a dettare il comportamento di Enel sia stato il Pd; quello stesso Pd che per 18 mesi ha incassato denaro sonante in cambio di “futuri accordi”, pratica che la Corte dei Conti ha giudicato “un’irregolarità gravissima”. È anche grottesco che chi si è macchiato di tale irregolarità adesso vuole anche imporre al Comune un passaggio in Consiglio Comunale che rappresenterebbe un ulteriore atto illegittimo. Dimostrazione che quando c’è da preparare gli atti in termini di legge gli esponenti del PD non ne azzeccano una.

La posizione del Movimento 5 Stelle è chiara ed è quella della tutela della legalità: l’unica figura che ha il dovere e la responsabilità di decidere come ratificare gli atti è il Segretario Generale. Per eccesso di scrupolo ci siamo anche avvalsi di una figura di assoluto rilievo nel diritto civile come l’avv. Catricalà che ha confermato come tale schema sia competenza della Giunta.

I contorni della situazione ormai sono ogni giorno più chiari ed il fatto che Enel si sia fatta dettare gli atti da approvare in CDA dal Pd è talmente emblematico che non ha bisogno di un ulteriore nostro commento. L’unica volontà del Pd è quella di rompere gli equilibri economici del Comune, mandarlo in dissesto e far saltare così anche tutto il lavoro fatto sulle partecipate. Il fallimento di HCS e la perdita del posto di lavoro per centinaia di persone per il Pd non è un problema ma un insignificante scotto da pagare per il loro unico obiettivo: il ritorno alla poltrona.

Il gruppo consiliare M5S

About Ruggero Terlizzi 2878 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it