10 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Referendum contro le trivelle, si vota il 17 aprile

E’ stato indetto per il prossimo 17 aprile il referendum popolare, abrogativo previsto dall’articolo 75 della Costituzione e che ha la seguente denominazione: “Divieto di attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi in zone di mare entro dodici miglia marine. Esenzione da tale divieto per titolo abilitativi già rilasciati. Abrogazione della previsione che tali titoli hanno la durata della vita utile del giacimento”.
Sono disponibili sul sito internet del comune, attraverso un apposito banner, alcune informazioni e la modulistica utili per l’esercizio al voto.
Il referendum prevede un solo quesito così formulato: “Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?”.

Le operazioni di votazione si svolgeranno nella sola giornata di domenica, dalle ore 7 alle ore 23 e le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.
Coloro che risiedono o si trovano momentaneamente possono optare per l’esercizio di voto entro il prossimo 26 febbraio.
Coloro che si trovano momentaneamente all’estero possono optare per l’esercizio di voto per corrispondenza tramite il modulo riportato sul sito web della Prefettura di Latina http://www.prefettura.it/latina/contenuti/448438.htm entro il 26 febbraio 2016. L’opzione dovrà pervenire all’Ufficio comunale di residenza dell’elettore (mediante consegna a mano, o per invio postale o per email: i.maroso@comune.cisterna.latina.it, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità del sottoscrittore). L’opzione può essere revocata con le stesse modalità ed entro gli stessi termini. Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio comunale, entro il termine prescritto.

Per quanto riguarda invece gli elettori residenti all’estero (AIRE), l’opzione dovrà pervenire all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore (mediante consegna a mano, o per invio postale o telematico, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità del sottoscrittore) entro il prossimo 26 febbraio. L’opzione può essere revocata con le stesse modalità ed entro gli stessi termini. Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

Il modulo d’opzione potrà essere reperito dai nostri connazionali residenti all’estero anche presso i Consolati, i patronati, le associazioni, i “Comites” oppure in via informatica, sia sul sito di questa Prefettura di Latina, che sul sito del predetto Ministero (www.esteri.it).

About Giovanni Soldato 2969 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.