10 dicembre 2016

Rossi, Presidente Toscana: “Mi candido a segretario del PD ma non per spodestare Renzi”

Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Rossi ha annunciato che raccoglierà le firme per correre alla segreteria del Pd. “C’è un eccesso di personalizzazione nella politica –ha affermato Rossi-. E’ normale ai nostri tempi. Ma sarebbe bello avere un partito con più leader, ciò potrebbe aiutare il premier a fare meglio il suo lavoro. A sinistra ci sono molti delusi che si sono staccati dalla politica, perché non condividono fino in fondo questa fase. Non mi candido contro il governo e contro il premier Renzi, che sta conducendo il Paese e ha dimostrato di sapere individuare i problemi e dare risposte, muovendo le cose in anni di immobilismo. Tutto questo però lascia uno spazio importante al tentativo di ricostruire il Pd come partito che ha un profilo di sinistra. La diatriba che o si è renzisti o anti-renzisti ha stancato tutti. Penso sarebbe meglio che premier e segretario del Pd siano due figure distinte. Non farei come ha fatto Renzi nei confronti di Letta, da questo punto di vista vorrei rassicurarlo. Non gli sto dicendo ‘Stai sereno’, gli dico che non ha di che preoccuparsi. Se vincerò non toccherò il ruolo del governo, proverò ad aiutarlo e stimolarlo a fare meglio. Il Pd non può diventare il partito della nazione, bisogna che si conservi come un partito di sinistra. Il valore dell’eguaglianza tra individui e territori andrebbe perseguita più di quanto non si sia riusciti a fare finora. Bisogna porre al centro la questione del lavoro. Io sono convinto che esistano ancora una destra e una sinistra”.

Sulle unioni civili capisco che è opportuno portare a casa anche la stepchild adoption –ha affermato Rossi-, ma è pur vero che tutti i governi di sinistra l’avevano sempre rinviata questa legge. Stavolta Renzi ha detto che la legge va approvata. Anche se secondo me il premier avrebbe dovuto sfidare il M5S, proponendogli di votarla insieme per vedere se il problema era davvero il canguro o se invece vogliono fare melina e basta”.

“Verdini? E’ capitato anche a me da Presidente della Regione andare in Consiglio e accettare voti che provengono da altre parti –ha affermato Rossi-. In questi casi si ringrazia, ma si ribadiscono le distanze politiche con chi sta a destra”.

Fonte: Radio Cusano Campus