2 dicembre 2016

Roma – Elezioni, Dario Fo contro Bertolaso: “La sua candidatura è una barzelletta”

Roma . Dario Fo - fotografo: benvegnù - guaitoli - lannutti

Dario Fo, premio Nobel per la Letteratura nel 1997, è intervenuto su Radio Cusano Campus, la radio dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Sulla questione Unioni Civili Dario Fo ha dichiarato: “Hanno ragione quelli del Movimento Cinque Stelle, stiamo viaggiando sull’autostrada della fine della libertà e della democrazia. Stiamo andando incontro alla fine della nostra Costituzione. Per questo ho detto che mi ha deluso Benigni. Ho fatto fatica a criticarlo, provavo dispiacere mentre pronunciavo quelle parole. Lui ha un grande valore, è un grande costruttore di situazioni teatrali, ma mi ha stupito che un uomo così, che ha cominciato recitando in luoghi dove non c’era neanche la luce, nelle case del popolo, che aveva un disprezzo assoluto per la situazione regolata dal potere, di colpo ha smesso di essere una voce critica. Anche quando ha parlato della Bibbia, ha censurato le contraddizioni di Mosè.”.

Dario Fo ha criticato duramente Guido Bertolaso e i partiti che hanno deciso di candidarlo a sindaco di Roma: “La sua candidatura è una barzelletta, è una sceneggiata. E’ incredibile il coraggio che ha questa gente. Bertolaso ha la faccia come il culo. Sia lui che quelli che lo hanno candidato, sapendo che cosa fa e qual è la sua morale”.

Sul Movimento Cinque Stelle, che ieri ha ufficializzato la candidatura di Virginia Raggi a sindaco di Roma, Dario Fo invece non lesina elogi: “Il Movimento Cinque Stelle è l’ultima opportunità di questo Paese. Una opportunità importante. Se anche loro entrassero in una forma che non è quella originaria sarebbe un enorme dispiacere. Bisogna uscire da ogni furbizia. Ha ragione Beppe Grillo quando dice di mettere una multa a chi si candida con il movimento e poi cambia idea e tradisce il programma. E’ l’unica cosa che può  bloccare quei personaggi che pensano di aver trovato una vacca d’oro, chi pensa di entrare, fregare tutti, farsi dare i soldi e glielo mette in quel posto, perché magari passa in un altro gruppo. Questi furbastri cambia casacca e cambia bandiera vanno combattuti”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=6974

Fonte: Radio Cusano Campus