10 dicembre 2016

Berlusconi spiato, Bergamini, FI: “Chiediamo commissione d’inchiesta parlamentare”

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse 09-01-2013 Roma Politica Rai - trasmissione porta a porta Nella foto: Silvio Berlusconi Photo Mauro Scrobogna /LaPresse 09-01-2013 Rome Politics Rai - porta a porta tv show - In the picture: Silvio Berlusconi

Deborah Bergamini, deputata e responsabile della comunicazione di Forza Italia, è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Deborah Bergamini ha commentato la vicenda legata allo spionaggio statunitense di cui Silvio Berlusconi è stato vittima in passato: “Sono rammaricata ma non stupita. Già in passato avevamo avuto elementi che ci avevano fatto immaginare che ci potessero essere conversazioni di Presidenti del Consiglio europei e altri atti ascoltati e spiati. C’è però grande rammarico, perché si tratta di comportamenti che non sono compatibili in un corretto rapporto tra paesi alleati, e degli Stati Uniti l’Italia penso sia sempre stato il migliore alleato, tra i paesi europei. Questo scenario svelato ieri ci conferma ancora una volta che l’ultimo governo eletto dal popolo italiano, ormai nel 2008, e cioè il governo Berlusconi, è stato abbattuto, buttato giù, al di fuori del normale rispetto delle regole democratiche e della sovranità nazionale di un paese”.

L’opinione di Deborah Bergamini sulla reazione del Governo non è entusiasta: “La reazione di Renzi è un atto dovuto, convocare l’ambasciatore americani in questi casi è prassi.  Quello che a noi interessa è che il governo Renzi dia ben altri segnali. Da anni chiediamo che venga istituita una commissione di inchiesta parlamentare che faccia luce sui drammatici eventi che portarono alla caduta del governo Berlusconi nel 2011. Sembra che a nessuno interessi capire davvero che cosa accadde, quando ormai abbiamo ovunque elementi che dimostrano che ci fu una congiura che mirava chiaramente a sostituire il governo Berlusconi. Bisogna capire quali siano davvero i meccanismi all’interno dei quali un popolo può dirsi sovrano”.

Fonte: Radio Cusano Campus