28 febbraio 2017

Roma – Non si arrende alla fine della loro relazione, in manette un moldavo di 24 anni per atti persecutori

I due giovanissimi ragazzi si erano conosciuti in Moldavia, tramite amici in comune, durante le vacanze estive, da quel momento avevano iniziato una relazione a distanza, poiché  lei viveva in Italia con i genitori.

Dopo poco,  anche il ragazzo aveva trovato lavoro in Italia dove si è trasferito proseguendo la relazione con la fidanzata.

Dopo qualche tempo, però, lui ha dimostrato di essere molto possessivo ed eccessivamente geloso nei confronti della ragazza, al punto da limitarle le abitudini di vita, facendole continue scenate anche in pubblico, fino ad arrivare ad usare le mani.

Nel tempo le aggressioni fisiche e verbali si sono moltiplicate, finché la ragazza ha deciso di interrompere la loro relazione soprattutto per la paura che ormai nutriva nei confronti del giovane fidanzato.

Il ragazzo non si è mai arreso e ha continuato a perseguitare la ragazza seguendola sia a scuola che sul luogo di lavoro, spesso facendosi trovare alla fermata dell’autobus o lungo il tragitto verso casa. Ogni volta ha aggredito la ragazza con spinte e schiaffi, finché in un’occasione l’ha costretta con la forza a seguirla fino a casa sua, dove ha abusato di lei.

La vittima non ha mai raccontato nulla ai genitori, un po’ per paura della reazione dell’ex un po’ per vergogna, cercando di cambiare le sue abitudini pur di non ritrovarsi da sola con lui; ma tutti i tentativi sono stati vani.

Finché ieri pomeriggio, all’uscita da scuola, lo stalker ha avvicinato la ragazza e l’ha strattonata fino a portarla in una stradina appartata, dove l’ha picchiata e addirittura morsa sul viso, finché non sono giunte in suo aiuto le amiche che hanno minacciato di chiamare la Polizia, riuscendo così a far allontanare l’aggressore.

Poco dopo, però, quest’ultimo ha seguito la ragazza a bordo del bus che l’avrebbe dovuta portare al lavoro e qui l’ha di nuovo insultata. Quando sono arrivati la giovane è riuscita a raggiungere il posto di lavoro e da qui ha chiamato la Polizia di Stato.

Sul posto sono arrivati gli agenti del commissariato di Anzio, diretti dal dott. Antongiulio Cassandra, che hanno bloccato il giovane aggressore, mentre già stava tentando la fuga.

T.A., moldavo di 24 anni,  è stato arrestato con l’accusa di atti persecutori aggravati.

About Samantha Lombardi 4317 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it