8 dicembre 2016

Outdance Project presenta The Vanity Monster

Lo spettacolo “The Vanity Monster” è nato dal bisogno di poter sensibilizzare i giovani riguardo un tema importante come quello dell’accettazione di noi stessi, del nostro corpo e della nostra anima.

007vdimageUtilizzare il movimento e il corpo per sottolineare una condizione sociale molto diffusa attualmente: la ricerca ossessiva di appartenere ad uno stereotipo prestabilito, che non lascia spazio all’identità e all’unicità che ognuno di noi ha, ma a cui i giovani troppo spesso non riescono a dare voce. Queste “tendenze comportamentali”, sono state interpretate dalla coreografa Pitrelli attraverso un linguaggio del corpo dinamico in rapporto allo spazio e al tempo, ma anche attraverso un proprio ritmo interiore che rappresenta il luogo per esprimere certezze e soddisfazione del proprio io.

Le aspettative personali dei ragazzi vengono spesso frantumate, e il lavoro che lo spettacolo proporrà, vuole esprimere la paura e lo smarrimento che molti giovani provano quando hanno un riscontro reale della loro personalità, che cela debolezze ed intime malinconie, generando tensioni collettive e crolli individuali psicologici. Ma un tema così difficile, viene interpretato dalle danzatrici inmaniera leggera ed ironica attraverso una libera espressione del loro corpo.

“The Vanity Monster” è uno spettacolo che in conclusione lancia uno spiraglio positivo, perché invita a riflettere sull’accettazione di noi stessi, ricercando un nostro equilibrio, volteggiando sul palco come nella vita.

DSC_0678La OUT DANCE PROJECT nasce nel 2014 dalla voglia di sviluppare un immaginario coreografico che utilizzi la danza come strumento di visione delle proprie idee.
Il lavoro si basa sullo studio del movimento corporeo in rapporto allo spazio e al tempo ma che resti comunque legato al ritmo interiore che scaturisce dalla visioni personali dei danzatori.
Il linguaggio corporeo deve emanare energia fisica attraverso l’utilizzo del peso e del contrappeso, del disequilibrio e della caduta, della resistenza e dell’abbandono trasformando la danza in rischio, istinto, velocità ed espressività. Tale lavoro deve essere sviluppato in totale spontaneità in contatto/relazione tra i danzatori per raggiungere la consapevolezza del proprio corpo e delle sue possibilità espressive in movimento.