23 marzo 2017

Fiumicino – Caos durante il consiglio comunale, la Presidente Califano interrompe la seduta

Caos durante il consiglio comunale di questa mattina convocato in merito alla questione chioschi che da alcune settimane sta tenendo banco non solo tra maggioranza e opposizione ma anche tra la cittadinanza. Un consiglio interrotto dalla Presidente Califano dopo l’entrata in aula dei consiglieri di minoranza con indosso delle magliette con la scritta “Coerenza dimissioni subito” e che, di fatto, ha creato un clima non proprio consono alla continuazione del confronto.

Senza entrare nella pura cronaca degli avvenimenti ovviamente opposte le opinioni dei vari esponenti politici del territorio, “fuggire” secondo la minoranza, “giuste” secondo la maggioranza, tecnicamente va detto che in nessun’aula è possibile utilizzare cartelloni e magliette con scritte non consone e di questo ne abbiamo avuto diversi esempi sia alla camera che in senato nel corso degli anni, ma va anche detto che leggendo attentamente le regole del consiglio comunale di Fiumicino, si legge : “Nella discussione degli argomenti i consiglieri comunali hanno il più ampio diritto di esprimere apprezzamenti, critiche, rilievi e censure, ma essi devono riguardare atteggiamenti, opinioni o comportamenti politico-amministrativi, escludendo qualsiasi riferimento alla vita privata e alle qualità personali di alcuno.” La domanda è “Coerenza dimissioni subito” è offensivo oppure no? La sensazione è che si sia persa un’occasione per fare  chiarezza su una vicenda che sta a cuore a molti cittadini… o forse no!

PAVINATO: “OPPOSIZIONE HA ANTEPOSTO MAGLIETTE E CARTELLI A CORRETTA DISCUSSIONE IN AULA”

In merito al Consiglio Comunale di oggi 23 febbraio, nessuno, né i consiglieri né i cittadini presenti e in streaming hanno potuto capire le ragioni vere di una convocazione straordinaria da parte dei consiglieri di minoranza. Gli stessi non hanno saputo o voluto prestarsi a una franca e corretta discussione sulle motivazioni della richiesta. Anzi, alla discussione hanno preferito anteporre atti esibizionistici, plateali, di pura e sciocca propaganda, con magliette e cartelli, chiedendo addirittura le dimissioni del Sindaco, della Giunta, di tutta la maggioranza. Corretta, irreprensibile, altamente democratica, la gestione da parte del Presidente dell’Aula, che ha dato più volte la possibilità di discutere.

Lo stesso Sindaco ha precisato nei giorni precedenti, sulla stampa nazionale e in trasmissioni televisive, le ragioni di tutti gli atti amministrativi nel pieno rispetto della legge. La minoranza ha colpevolmente rifiutato l’opportunità di una serena discussione, e quindi è loro la responsabilità dei interruzione del Consiglio. Anche l’Aula consiliare di Fiumicino è, al pari di tutte le altre aule sia del parlamento che degli altri consigli regionali e comunali di tutto il nostro paese, una sede rigorosamente istituzionale. Per questa esclusiva e indiscutibile ragione, l’aula del Comune di Fiumicino è un luogo deputato al confronto civile, anche aspro, ma rigidamente democratico. Tutti i consiglieri, senza esclusione alcuna, ma anche tutti i cittadini ammessi, debbono attenersi a questa fondamentale regola.

Ed è bene rispondere e precisare che, anche in costanza di sospensione o pausa lavori, non consentito a nessuno avere atteggiamenti non consoni alle regole dettate da quel principio etico. Nel consiglio di oggi è stato rigorosamente consentito e applicato il diritto a una discussione franca e puntuale su una richiesta formulata dai consiglieri di opposizione. Così non è stato possibile per loro esclusiva responsabilità, con la scelta palese di preferire comportamenti reiterati di turbativa.  Tutti debbono sapere che sarà sempre possibile confrontarsi in Aula e non su una materia, questa sì, ferma nella sua applicazione da ben 14 anni, sulla quale finalmente solo questa maggioranza ha deciso di dare una definitiva azione di governo nel pieno rispetto della legge.

CONSIGLIO SU AVVISI DI GARANZIA. SINDACO E MAGGIORANZA FUGGONO DAL CONFRONTO
Dichiarano i consiglieri comunali Mauro Gonnelli, William De Vecchis, Federica Poggio, Claudio Paolini, Giovanna Onorati, Raffaello Biselli, Giuseppe Picciano, Roberto Merlini

Noi oggi in consiglio comunale per chiedere al sindaco e alla sua maggioranza di rispondere sui molteplici procedimenti giudiziari che li hanno coinvolti e approvare un ordine del giorno che impegni chiunque sia rinviato a giudizio a dimettersi, c’eravamo.

Dispiace invece constatare come il primo cittadino e il centrosinistra siano fuggiti dal confronto utilizzando una ridicola interpretazione del regolamento comunale: indossavamo delle magliette in cui si chiedeva coerenza e rispetto degli impegni presi. Il sindaco fu il primo, in campagna elettorale, ad affermare che non c’avrebbe pensato un attimo a dimettersi in caso di avviso di garanzia.

Oggi invece di rispettare quelle promesse lui e la sua maggioranza hanno preferito ‘scappare’ in maniera grottesca. Evidentemente per loro coerenza, legalità e trasparenze sono concetti offensivi e tumultuosi. Il solito giustizialismo a seconda delle esigenze.

EMILIO PATRIARCA, CAPOGRUPPO DEL PD: “AULA CONSILIARE NON È UN RING, REGOLE VANNO RISPETTATE”

L’aula consiliare non è uno stadio e neppure un ring. Per questo ha fatto bene la Presidente del Consiglio comunale di Fiumicino, Michela Califano ad attenersi al regolamento del consiglio comunale che disciplina le adunanze e le dirette streaming. La realtà è che magliette non consone e cartelloni non possono essere esposti durante un dibattito politico che rappresenta o dovrebbe rappresentare il punto istituzionale più alto del nostro territorio.

Non sono serviti rinnovati inviti da parte di chi ha la responsabilità dell’Aula di non esibire cartelloni e magliette indossate dall’opposizione. La realtà è che alla strada del sereno confronto e dibattito democratico si è deciso di imboccare quella della propaganda politica. Ai contenuti si sono preferite pesanti cadute di stile. Oggi come ieri e come accadrà anche domani, non si può transigere sul mancato rispetto delle Istituzioni. Il consiglio comunale, l’aula consiliare racchiude la storia civica, politica e sociale della Città. E merita altri atteggiamenti, altri abbigliamenti che non la calpestino.

In ogni caso ringrazio personalmente la consigliera Velli per aver accettato il rispetto delle regole eliminando il cartello. Voglio infine ricordare che abbiamo esaudito tutte le richieste che l’opposizione aveva presentato convocando il consiglio comunale con massima celerità nonostante l’argomento all’ordine del giorno fosse noto a molti dei consiglieri comunali di opposizione in quanto l’innesco della questione giudiziaria risale alle precedenti giunte.

About Emanuele Bompadre 9308 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.