7 dicembre 2016

Fiumicino – Caos al consiglio comunale, le dichiarazioni

 

Gruppi Opposizione Centrodestra

Di prese in giro e gaffe ne abbiamo sentite in questi due anni. Ma affermare che sia stata l’opposizione a non voler discutere e approvare il proprio ordine del giorno sulle dimissioni del sindaco Montino le batte veramente tutte. Se poi per questa maggioranza i ‘comportamenti reiterati di turbativa’ sono l’aver indossato una maglietta che recita ‘coerenza=dimissioni’ allora è tutto chiaro.

D’altronde ci sono le foto a testimoniarlo: noi c’eravamo. Altri no. Ciò che va denunciato è l’assurdo e irresponsabile comportamento del presidente del consiglio comunale che ha chiesto l’intervento della forza pubblica, imponendo a degli attoniti agenti di polizia locale di spogliarci. Ordine rispedito al mittente e non eseguito, a dimostrazione dei deliri di una maggioranza allo sbando che ormai utilizza a proprio uso e consumo regolamenti, leggi ed etica morale.

Chiodi: “Oggi il grande bluff dell’opposizione”

Maglietta nera e scritta bianca è il nuovo merchandising politico del centrodestra di Fiumicino, che stamattina ha mandato in scena un siparietto politico degno del più vecchio e inefficace modus operandi dei tempi andati. Solo ricerca della ribalta giornalistica, di copertine sfolgoranti e fotografie da sfoggiare per nascondere, dietro le immagini, la più completa insignificanza della loro presenza in Consiglio comunale. Cosa è successo oggi?

Le opposizioni chiedono un Consiglio straordinario sulla vicenda dei chioschi. Ma poi, nel momento in cui il Presidente del Consiglio, fatta un’analisi veloce dei fatti, gli dà la parola si perdono tutti in un silenzio imbarazzante, in sguardi volti a chiamare in soccorso gli altri colleghi di minoranza e in discorsi vaghi e divaganti. Lo stesso consigliere di minoranza Merlini, anch’esso indagato, indossava la maglietta invocante le dimissioni…già, quando si parla di coerenza! Ma lo capiamo. Sappiamo bene che la presenza delle telecamere faccia gola ai più scenici e funambolici della politica ma ci saremmo aspettati delle argomentazioni puntuali, inerenti l’argomento all’ordine del giorno, argomentazioni serie e non le solite pagliacciate. Invece, oltre lo sfoggio della maglietta nera, il nulla.

Invitati più volte a togliere magliette e cartelli utili solo al consueto show e richiamati a riportare l’Aula in un contesto più istituzionale e consono a proseguire i lavori, il centrodestra si è opposto e ha ritenuto la maglietta molto più importante del confronto invocato da loro stessi. Un capriccio o una presa di posizione? Nessuna delle due, solo la palese dimostrazione  che quello delle concessioni è per l’opposizione un terreno scivoloso, che molto ben conoscono, e che oltre alle proteste di facciata si guardano bene dal volerlo affrontare.

Motivo per cui questa maggioranza non ha alcuna intenzione di trasformare l’aula consiliare in un palcoscenico per pochi e a discapito della funzione che è chiamata a svolgere.

Bonanni: “Da opposizione comportamento intollerabile”

Il comportamento avuto oggi dall’opposizione è davvero intollerabile. I consiglieri di opposizione, prima non hanno svolto il proprio compito, ovvero quello di spiegare l’ordine del giorno esattamente come avrebbero dovuto fare avendo loro stessi richiesto la seduta odierna del Consiglio Comunale. Come se non bastasse hanno preso l’aula consiliare come un luogo dove fare propaganda, presentandosi con foto o magliette irriverenti, chiedendo le dimissioni di chi è stato raggiunto da un avviso di garanzia. Peccato che anche  un loro rappresentante sia stato raggiunto dal medesimo avviso e per lo stesso motivo. E meno male che la coerenza la chiedono a noi.

Velli: “Montino rifiuta il confronto”

Il Consiglio Comunale Straordinario del 23 febbraio, richiesto dal MoVimento5Stelle per avere chiarimenti in merito alla vicenda delle concessioni dei chioschi sul litorale di Fiumicino, si è concluso senza che Montino abbia dato alcuna risposta alle molte domande della comunita’ cittadina. All’inizio della seduta di Consiglio ci si aspettava che il Sindaco avrebbe aperto i lavori con una esaustiva spiegazione, fornita non in televisione o in conferenza stampa, ma nella giusta sede come suo dovere istituzionale.

Invece la Presidente del Consiglio Califano si è subito sostituita al primo cittadino dichiarando che non c’era nulla da aggiungere a quanto gia’ diffuso a mezzo stampa, e che il Sindaco avrebbe eventualmente risposto se e quando lo avesse ritenuto opportuno. Non riteniamo corretto che la Presidente del Consiglio abbia agito come portavoce del Sindaco Montino, e non abbia invece mantenuto la dovuta equidistanza fra gli schieramenti politici, mancando al suo ruolo di garante della democrazia cosi’ come previsto dalla sua figura istituzionale.

Inoltre non riteniamo corretto che quando l’opposizione ha manifestato il proprio dissenso con magliette e cartelli, la Presidente Califano abbia invece fatto prevalere l’aspetto formale del Regolamento, al punto di far prima sospendere e poi chiudere il Consiglio Comunale Straordinario. In questo modo si è evitato di rilasciare alcuna dichiarazione ufficiale sul vero argomento e motivo di riunione dell’assemblea consiliare , e cioè l’indagine avviata dalla magistratura a carico del Sindaco e di 15 consiglieri comunali per il rilascio delle concessioni demaniali ai chioschi sul litorale di Fiumicino.

Il Consiglio Comunale Straordinario avrebbe rivestito particolare importanza dal punto di vista giuridico perché ogni dichiarazione rilasciata in sede istituzionale sarebbe stata acquisita dalla magistratura agli atti dell’indagine in corso in quanto dichiarazione ufficiale, mentre invece si è trattato di un’altra occasione persa per la comunita’ cittadina dato che i lavori sono stati chiusi senza che nè Montino né i consiglieri indagati dicessero una sola parola.

 

 

About Emanuele Bompadre 8254 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.