8 dicembre 2016

DDL Cirinnà, Luxuria: “Unioni civili alla vaticana, M5S? Penosi. Fondiamo il partito arcobaleno”

Vladimir Luxuria è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Robero Arduini e Andrea Di Ciancio.

Luxuria ha duramente criticato l’evoluzione legata al Ddl Cirinnà: “Meglio un pezzo che oggi che tutto mai come dice Renzi? Intanto a pezzi siamo noi, sempre in mano a politici che tra voltafaccia, giochi di alleanza e tradimenti, decidono qualo diritti concederci e quali diritti no. Sarebbe stato come se i neri d’America si fossero accontentati di una legge che stabilisse che potevano sì salire sull’autobus, ma che dovevano rimanere in piedi. Io credo che l’uguaglianza debba essere totale. Siamo stufi di essere presi in giro e di veder svenduti i nostri diritti. Dicevano di volere le unioni civili alla tedesca, qui invece siamo davanti alle unioni civili alla vaticana. E siamo così sicuri che verrà tolta soltanto la stepchild adoption? Io mi aspetto altre sorprese. Qui tra i due litiganti, PD e Movimento Cinque Stelle, Angelino gode”.

Luxuria è molto dura con il Movimento Cinque Stelle: “Mi ha molto delusa. In Italia c’era un’emergenza democratica legata ad una lacuna sui diritti civili che durava da trent’anni e loro hanno trovato la scusa della regola del supercanguro per non votarla, dopo che venti minuti prima avevano dato il loro consenso.  Per fortuna ora i sondaggi li vedono in calo. L’incoerenza dev’essere punita. L’anno scorso mi ricordo Airola che è venuto al Gay Village promettendo un sacco di cose, poi in venti minuti hanno cambiato idea. Penosi“.

Luxuria poi ha lanciato l’idea del partito arcobaleno: “Sono talmente stufa di dover dipendere dai partiti che dico che dovremmo fondarlo noi un partito arcobaleno. Facciamo un partito arcobaleno e questa volta in quel posto glielo mettiamo noi. Perché doverci sempre fidare delle promesse e poi doverci accontentare di diritti annacquati? Il partito arcobaleno si fonderebbe sull’uguaglianza, si batterebbe per i diritti civili, per l’educazione sessuale nelle scuole, contro l’omofobia. Io la lancio come provocazione, ma secondo me tra gay, lesbiche, trans, parenti e amici siamo più degli elettori di Alfano, che rappresenta il partito più omofobo tra tutti quelli che siedono in Senato. Adesso contiamoci noi”.

Luxuria, con il partito arcobaleno, legifererebbe sul tema prostituzione: “Bisogna che le prostitute, maggiorenni e ovviamente che fanno questo mestiere per una scelta personale, paghino le tasse, siano riconosciute come lavoratrici e possano svolgere questo lavoro in maniera riconosciuta, senza la solita ipocrisia che contraddistingue spesso la politica italiana”.

audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=6949

Fonte: Radio Cusano Campus