7 dicembre 2016

Come controllare l’usura dei propri pneumatici

 

Infografica_pneumatico_usuratoCon l’addentrarsi della bella stagione si avvicina anche il momento del cambio gomme, una necessità per viaggiare in sicurezza che sfortunatamente non è sempre possibile. Nel 2015 ben 5 milioni i veicoli sono stati segnalati dalla Polizia Stradale come non conformi per per problemi relativi agli pneumatici, un dato preoccupante considerando che proprio le gomme lisce sono una tra le prime cause di tamponamento. Secondo le stime delle case automobilistiche, infatti, oltre il 20% degli incidenti stradali sono legati all’usura degli pneumatici: 3 incidenti su 4, in particolare, sono causati dallo scorretto gonfiaggio di uno pneumatico. I pneumatici risultati lisci ai controlli di una recente indagine della Polizia Stradale, erano il 5,6% di quelli controllati, il doppio dell’anno scorso, e nel complesso il 14,5% delle 9.000 auto fermate presentava problemi relativi alle gomme (lisce, danneggiate, non omologate, non omogenee sull’asse…).

Se a questo si sommano le vetture non revisionate (il 7,09%), risulta che una macchina ogni 5 controllate presentava delle “non conformità”. Per evitare però di mettersi in strada con gomme al di sotto o al di sopra dei parametri di pressione corretti e rischiare oltre alla sicurezza anche sanzioni, dagli 85 ai 338 euro, è utile sapere che cambiare il parco gomme acquistandolo online permette di risparmiare fino al 50% rispetto al gommista tradizionale. Il primo consiglio per controllare lo stato del vostro pneumatico è quello di parcheggiare su una superficie piana dove sia possibile avere una buona visuale del battistrada ruotando lo sterzo fino a metà corsa.

Lo spessore del battistrada non deve mai essere inferiore a 1,6 mm, limite oltre il quale è indispensabile e obbligatorio per legge effettuare la sostituzione dello pneumatico in uso. Per effettuare questa misurazione occorre l’utilizzo del profondimetro, strumento tecnico disponibile da qualsiasi gommista. Un ulteriore strumento utile a valutare l’usura di uno pneumatico: è un piccolo tassello di gomma posto solitamente al centro della principale scanalatura: quando il battistrada raggiunge il livello di quest’ ultimo significa che lo spessore è uguale o inferiore a 1,6mm e quindi che, anche in questo caso, deve essere sostituito. Metodo casalingo e meno preciso, consiste nell’utilizzare una moneta inserendola nelle scanalature che compongono il battistrada.

Per i pneumatici estivi si può impiegare una moneta da 1 euro: se le stelle sul bordo della moneta sono visibili, significa che lo spessore del vostro pneumatico è inferiore alla misura legalmente valida per la circolazione, nel caso di una gomma invernale si può utilizzare una moneta da 2 euro controllando se il bordo argentato rimane fuori dalla scanalatura. E’ importante invertire le gomme dell’auto perché nel tempo gli pneumatici non si usurano in modo uniforme, pertanto per mantenere una tenuta di strada ottimale e per far durare più a lungo nel tempo le gomme è consigliabile invertirle.