3 dicembre 2016

Calcio – Serie D, Serpentara, Ciaramelletti: “Quello con l’Isola Liri è comunque un buon punto”

Il Serpentara BellegraOlevano torna a muovere la classifica. La squadra di mister Antonio Foglia Manzillo ha pareggiato 1-1 sul campo dell’Isola Liri, dopo il cocente k.o. interno col Picerno. «Una partita complicata – dice l’interno di centrocampo Cristian Ciaramelletti in riferimento alla partita con i frusinati – anche perché siamo andati subito sotto e c’era bisogno di una pronta reazione che la squadra ha avuto. Dopo il gol del pareggio di Delgado su calcio di rigore, tra l’altro, siamo rimasti in inferiorità numerica per l’espulsione di Lustrissimi e questo sicuramente ci ha penalizzato, ma abbiamo dimostrato un buon ordine nella fase difensiva e rischiato anche di vincerla, soprattutto con un’occasione capitata a Anastasio che è stato fermato all’ultimo. Alla fine, comunque, si è trattato di un buon pareggio». Il centrocampista ex Fondi, classe 1994, è felice della sua esperienza nel club di Bellegra e Olevano. «Nella squadra pontina non avevo molto spazio anche perché stavo recuperando da un problema alla spalla, ma questa è stata la miglior soluzione possibile per me e sono molto contento di averla presa. Sento la considerazione e la fiducia da parte del mister e dell’intero ambiente – rimarca Ciaramelletti – e questo per me è importante, come anche l’aver avuto un buono spazio. Quando sono arrivato la situazione di classifica era praticamente disperata, ma sapevo che il club avrebbe fatto di tutto per rinforzare l’organico e giocarsi le sue carte. Ora, infatti, non siamo distanti dalla salvezza diretta anche se non dobbiamo togliere il piede dall’acceleratore». Ciò vuol dire che nel match interno di domenica col Torrecuso non saranno ammesse nuove distrazioni. «Dobbiamo farci perdonare l’ultima partita casalinga che ancora brucia, di fronte avremo una buona squadra che ha nell’attaccante Pastore l’elemento probabilmente più rappresentativo. Noi – conclude Ciaramelletti – dobbiamo fare punti e anzi cercare il bottino pieno perché dimezzeremmo quasi le distanze da loro e questo aumenterebbe le nostre speranze».