2 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni rilasciate dai rossoneri ieri nel post partita di Napoli-Milan

AC Milan's Italian midfielder Giacomo Bonaventura (L) celebrates after scoring during the Italian Serie A football match SSC Napoli vs AC Milan on February 22, 2016 at the San Paolo stadium in Naples. / AFP / CARLO HERMANN (Photo credit should read CARLO HERMANN/AFP/Getty Images)

ADRIANO GALLIANI
“Una partita molto difficile, questa sera era veramente complicato non perdere e ce l’abbiamo fatta. Quello che dice il nostro allenatore, che sarà il girone delle rivincite, si sta avverando, avevamo perso col Napoli, con l’Inter, con la Fiorentina e col Genoa, ora invece ne abbiamo battute 3 e pareggiato l’altra, 15 punti nel girone di ritorno, andiamo avanti. Zapata ha fatto una partita eccezionale, anche i terzini e Alex, ma Zapata è stato veramente super. Honda è un buonissimo giocatore, la squadra mi è piaciuta perché ha combattuto, ha sofferto e ha portato via un punto in un ambiente veramente difficile. Le partite danno tutte tre punti, in un girone, abbiamo perso in casa col Bologna e con la Juve, in 19 partite. La frase del Presidente di vincerle tutte era una provocazione ma ci proveremo. Ora abbiamo due partite in casa, una di Campionato e una di Coppa Italia,  vediamo, andiamo avanti”.

GIANLUIGI DONNARUMMA:
“E’ stata una grande emozione, atmosfera impressionante siamo stati bravi a non farci intimorire. Abbiamo fatto tutti una grande partita, alla fine abbiamo portato un buon punto a casa. Sul gol di Insigne la palla è stata deviata ed è andata nel angolino, domani parleremo con il mister se potevo fare meglio. Loro dovevano vincere per forza per andare in vetta, noi siamo stati bravi. Abbiamo corso tanto, ringraziamo tutto lo staff perché stiamo lavorando davvero bene. Andiamo avanti così. Le parole del Presidente fanno sempre piacere, oggi era importante fare risultato e non perdere, ce l’abbiamo fatta e ora pensiamo al Torino. Stiamo lavorando bene e giorno per giorno diamo sempre il massimo e ora pensiamo al Torino”.

CRISTIAN ZAPATA
“Sono contento per la prestazione, non era facile ma sicuramente adesso sto attraversando un bel momento. Ora non ho più problemi personali e sono felice per la partita di oggi e aver dato una mano alla squadra. Oggi bisognava fare una prestazione d’alto livello e l’abbiamo fatta, bel risultato contro una grande squadra in forma. Mi sto allenando bene e mi sto preparando bene. Adesso arrivano delle squadre contro le quali dobbiamo fare punti. Siamo tutti concentrati per far bene e risalire in classifica”.

MISTER SINISA MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Sapevamo sarebbe stata una partita difficile, siamo venuti qua volendo fare risultato. Loro su 12 partite in casa hanno fatto 10 vittorie e 2 pareggi, hanno dimostrato di essere la squadra più forte del Campionato insieme alla Juve. Noi abbiamo fatto molto bene la fase difensiva, un po’ meno bene quella offensiva anche per meriti del Napoli. Credo che il risultato sia giusto. Nelle prime 7 giornate nel girone di andata avevamo fatto solo 9 punti, nel girone di ritorno invece ne abbiamo già fatti 15. Ci sono i risultati e anche le prestazioni, siamo una squadra diversa, una squadra difficile da battere e che sta bene in campo. Il Milan è stato bravo a chiudere tutti i varchi, non è facile fermare il loro potenziale offensivo, abbiamo fatto una grande fase difensiva, non solo i 4 difensori, anche i centrocampisti e gli attaccanti. Solo soffrendo si può fare risultato qui a Napoli. Balotelli deve recuperare condizione fisica, si sta allenando bene, spero che tutti i giocatori che non sono in condizione, come Menez, come Boateng, entrino in forma perché possono essere determinanti, facendoli giocare torneranno in forma, sono giocatori importanti. Montolivo ha sbagliato un po’ di più rispetto al solito ma se fai risultato a Napoli tutta la squadra ha fatto bene. I ragazzi hanno disputato una buona gara dal punto di vista difensivo, potevamo fare sicuramente meglio in fase offensiva, questo è capitato un po’ per colpa nostra un po’ per meriti loro. Noi abbiamo sempre corso, forse correvamo male. Eravamo una squadra che con il vecchio modulo non difendeva e non attaccava, ora da quando abbiamo cambiato modulo su 12 partite ne abbiamo perse solo 2”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.