11 dicembre 2016

Borghesiana – Non si ferma all’alt della polizia, marocchino inseguito e arrestato

E’ notte fonda quando gli equipaggi di due pattuglie della Polizia di Stato stanno svolgendo il consueto controllo del territorio in zona Borghesiana.

Ad un tratto gli agenti hanno visto sfrecciare a velocità folle un’autovettura guidata da un uomo e, dopo aver acceso il dispositivo di segnalazione luminoso hanno tentato di fermarlo facendo cenno al conducente di accostare, ma lui, invece di fermarsi, ha spinto il piede sull’acceleratore ed è fuggito.

Ed è allora che ha avuto inizio un rocambolesco inseguimento.

Il fuggitivo ha proseguito la corsa sorpassando altri veicoli e poi, improvvisamente, ha invertito la marcia ed ha superato un semaforo rosso: a quel punto gli investigatori hanno tentato di bloccarlo ma a causa di un’altra manovra imprudente, l’auto guidata del malvivente ha urtato la volante e l’ha danneggiata.

Il “folle” intanto ha proseguito la marcia superando altri semafori con luce rossa.

Questa volta però, grazie alle note radio diramate dai poliziotti prima di iniziare l’inseguimento, all’uomo è stata preclusa ogni via di fuga e, giunto in via dell’Acqua Vergine, è stato costretto a fermarsi.

Sceso dal mezzo, ma non per arrendersi: ha tentato infatti la fuga dirigendosi in una campagna circostante ma è stato inseguito dagli agenti anche a piedi. Raggiunto, ha tentato un ultimo disperato tentativo di non farsi prendere tirando calci e pugni agli uomini in divisa ma alla fine è stato reso inoffensivo e bloccato.

Identificato per S.A, il 36enne marocchino è stato arrestato per i reati di danneggiamento aggravato ai beni dello stato e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’auto sulla quale viaggiava, intestata ad altra persona, è stata invece posta sotto sequestro e per ora non risulta tra quelle rubate.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.