10 dicembre 2016

Sykes domina il primo giorno di test a Phillip Island

La prima giornata di test, in programma sul circuito di Phillip Island, si è conclusa e Tom Sykes, il campione 2013 del WorldSBK, ha firmato il giro più veloce sia della seconda sessione, sia del primo giorno, siglando il crono di 1’31.097 in sella alla sua Kawasaki ZX-10R con un vantaggio di + 0.196 secondi davanti al suo compagno di squadra e campione in carica Jonathan Rea. In una sessione interrotta dalla pioggia e dalle bandiere rosse, il pilota Jordi Torres di Althea BMW si è posizionato terzo davanti alla leggenda della MotoGP Nicky Hayden sulla Honda ufficiale e il campione WorldSBK del 2014 Sylvain Guintoli ha chiuso la top five sulla sua Yamaha YZF R1, mettendo a segno un buon 1’31.583. Nella classifica combinata dei tempi delle due sessioni però, Michael Van Der Mark ha mantenuto la terza posizione grazie ad un giro più veloce nella sessione del mattino, ed è stato l’unico pilota della top ten che non è riuscito a migliorarsi nel pomeriggio.

La pioggia leggera è stata una minaccia continua nella prima giornata di test e nel pomeriggio ci sono state diverse cadute, tra cui quelle di Abraham e Brookes, quelle di Peter Sebestyen, Dominic Schmitter, e Chaz Davies che è rimasto fortunatamente illeso. Il pilota del Galles, in sella alla1199 Panigale R ha terminato la giornata con il nono miglior tempo nella classifica combinata e ha accumulato un decimo e mezzo di vantaggio sul compagno di squadra Davide Giugliano.
Sykes è stato anche il pilota più veloce durante i test pre-stagionali svolti a Jerez e punta a riconquistare il titolo. Il MOTUL FIM Superbike World Championship sarà di nuovo in pista domani per l’ultima giornata di test prima che inizi ufficialmente il primo round, venerdì 26 febbraio, della stagione 2016.
Fonte: worldsbk.com
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.