6 dicembre 2016

Delitto con… sorpresa, un funerale con la salma viva e vegeta

Noele si riteneva una donna fortunata.Era ricca e aveva un marito premuroso.Peccato che gli affari gli impedissero d’accompagnarla da Melbourne, dove vivevano, in Burundi per salutare la madre morente.
All’aereoporto aveva seguito senza sospetti gli uomini venuti a prelevarla,  lui come sempre pensava a tutto. Quando nella fitta boscaglia le avevano detto di scendere, aveva rifutato con garbo. Non ne aveva bisogno, grazie. Una pistola, spuntata dal nulla,  l’aveva convinta. Migliaia di chilometri lontano intanto, l’occupatissimo marito di Noele, disdetti gli impegni prenotava il primo volo disponibile per il Burundi. Pronto a piangere sulla bara della moglie adorata. Al funerale però nessuna salma,solo Noele in splendida forma, decisamente  viva e accompagnata dalla polizia.
Era successo che, mentre veniva tenuta bloccata,  all’uomo era squillato il telefonino. La voce  concitata e  familiare era quella del marito che ordinava : Uccidila!
Noele non saprebbe spiegare come abbia fatto, forse le  urla di moglie ingannata avevano convinto  i killer a lasciarla andare, tenendosi il denaro ricevuto per eliminarla.  Ha potuto così, evento rarissimo, partecipare al suo funerale e assistere all’arresto del marito per tentato omicido. Nove anni di carcere, tanto il tempo necessario a capire il dettaglio sbagliato in un piano perfetto. Quello che  aveva reso la  povera e ingenua Noele una ricchissima e appetibile divorziata!