5 dicembre 2016

Intensa ed emozionante la giornata al Centro Sportivo di Milanello del Presidente Berlusconi per i 30 anni di presidenza

Nella Club House il Presidente ha subito apprezzato la torta realizzata in onore del trentennale dell’acquisizione del Milan e ha ringraziato Francesco Manico, autore della torta stessa. Successivamente foto di rito per il Presidente Berlusconi, la figlia Barbara, Adriano Galliani e Francesco Manico insieme alla torta celebrativa.

Dopo il pranzo, il Presidente Berlusconi ha radunato la squadra nella Sala del Camino, la Società, il Mister e i giocatori hanno posato davanti alla torta dei 30 anni. A quel punto il presidente Berlusconi ha tagliato la torta che è stata poi servita dai camerieri di Milanello a tutti i protagonisti dello scatto fotografico. Successivamente il brindisi chiamato dal Presidente che ha rivolto un ringraziamento particolare ad Adriano Galliani e l’augurio di veder tornare il Milan ad alti livelli.

Il Presidente Silvio Berlusconi si è poi rivolto ai giocatori: “Vi auguro di realizzare tutti i progetti futuri che avete nella vostra mente e nel cuore”.

In sala conferenze il Presidente del Milan Silvio Berlusconi ha rilasciato poi le seguenti dichiarazioni:

“Abbiamo ancora il sogno di un Milan tutto italiano, abbiamo tanti giovani italiani in difesa, per la proliferazione degli stranieri ci manca solo qualche attaccante. Anche se per il momento abbiamo Bacca che è un realizzatore implacabile. Ci sono tante riforme da me proposte in questi 30 anni che hanno avuto successo fra cui la formula della Champions League. Manca ancora se ci penso il tempo bloccato come nel basket quando si ferma il gioco o anche un Campionato Europeo cui prendano parte i grandi Club della più pura tradizione europea.”

“Ci siamo dati con Mr. Bee 3 scadenze ultimative che non siamo riusciti a rispettare per via del crollo delle borse asiatiche. Ma a noi lui piace molto e piace il suo piano di commercializzazione del brand Milan in Cina. Abbiamo tralasciato altre offerte perchè comportavano solo una ricerca di popolarità”.

Queste invece le dichiarazioni rilasciate dal Presidente Berlusconi, in esclusiva, a Milan Channel:

Prendere il Milan è stata una grande responsabilità nei confronti di mio padre e della storia del Milan. Oggi a Milanello mi sono ricordato di quando sono entrato la prima volta. Ritenni opportuno di fare dei progetti per portarmi ad essere protagonista nei miei anni. Dopo il primo anno con un allenatore che non avevo scelto io trovai sul mercato Arrigo Sacchi e abbiamo preso la decisione di prenderlo come nostro allenatore. Dovevamo vincere il Campionato, l’anno dopo la Coppa dei Campioni e quello ancora dopo la Coppa Intercontinentale. Siamo diventati poi il club più titolato al mondo. 5 vittorie su 8 finali, ho provato ad essere il Presidente che ha vinto di più. La mia vita è rimasta quella dell’imprenditore e uomo di politica ma il Milan ha un posto speciale nel mio cuore”.

“Lei avrebbe preferito sedersi in panchina? La mia risposta, in panchina, ma anche in campo! Nel 1988 segnò due volte Virdis e una volta Van Basten. Cercherò di convincere Mihajlovic ad una motivazione speciale ai ragazzi. Ho parlato con lui ed i ragazzi. La situazione è complicata. Il Napoli ha perso due trasferte, di cui una immeritata a Torino contro la Juventus. Hanno la necessità di risorgere. Se vincono possono agganciare la testa della classifica. Devono farsi perdonare dal proprio pubblico, quest’ultimo motivato e straordinario. Il Milan si trova molto sfortunato. Dobbiamo mettere in campo altrettanta motivazione. Io ci ho parlato con i ragazzi per inculcare questo, adesso ci deve mettere anche l’allenatore.
Il Milan ha avuto una serie infinita di campioni e ce li siamo sempre goduti. Nessuno come noi ha visto così tanti fuoriclasse, che hanno portato risultati e bel gioco. Ci siamo conquistati così la primazia nel mondo. Sono sempre stato legato ai miei campioni. Come un fratello maggiore, come un padre, come un nonno. Nei primi anni di presidenza sono sempre stato vicino ai loro problemi quotidiani. Di rassicurarli e di motivarli e di insegnare a loro come garantirsi negli investimenti. Ho sempre mantenuto molti contatti anche successivamente. Ho sentito da poco Sheva e mi da informazioni dirette sullo stato delle cose in Ucraina. Ci sono varie problematiche. Per me è una fonte di informazione molto importante per quello che accade in quel paese”.

“Il Milan ha un dovere, un obbligo, deve restare tra i protagonisti del calcio mondiale. Per fare questo si deve entrare in concorrenza con quei club che sono di proprietà di soci che hanno infinite possibilità finanziare quasi tutte derivanti dal petrolio. E per questo motivo abbiamo sentito l’esigenza di ampliare la nostra base economica e quindi abbiamo da un anno questa negoziazione con Mr. Bee che è in corso che prevede la commercializzazione del brand Milan nei paesi orientali soprattutto in Cina. Stiamo parlando da tempo con Mr Bee che ha quest’idea di commercdializzare il brand Milan in Cina dove abbiamo tantissimi tifosi. E’ importante per noi avere questo incremento di capitale, per avere la possibilità di investire così tanto per comprare quei campioni per essere competitivi. Abbiamo 6 giocatori che vengono dal nostro vivaio, tutta la difesa che è italiana così come la mediana. In attacco di italiani molto bravi non ce ne sono, i molti stranieri che giocano in Italia hanno chiuso la strada agli italiani in quel ruolo. Il Milan dovrà essere competitivo nel mondo. Costruire un nuovo ciclo con una squadra di giovani, che possano essere per tanto tempo titolari nel Milan, ad esempio Donnarumma, De Sciglio, Locatelli. Nell’attacco abbiamo un fuoriclasse italiano che si chiama Bonaventura che è un numero 10 predestinato. Dobbiamo acquisire due attaccanti, uno potrebbe essere Balotelli se diventasse saggio, l’altro invece sarebbe da trovare. La volontà assoluta è di vincere, di far quadrare i bilanci. Uno squadra che non può spendere più di 100 milioni di euro non credo possa essere competitiva. Vorrei dire a tutti i tifosi rossoneri, che tutti noi, come diceva mio padre, abbiamo il Milan stampato nel nostro cuore, il calcio è la metafora della vita, il Milan è l’esempio di questi ragazzi che scendono in campo e che devono essere padroni del campo e padroni del gioco e devono vincere convincendo gli altri, con la passione, con il bel gioco e con la lealtà. Credo che il Milan possa essere una grande scuola e debba e possa essere una grande, grandissima scuola da cui tutti abbiamo da imparare e con la quale possiamo essere sereni e felici”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.