3 dicembre 2016

Unioni Civili, Verducci, PD: “Di Battista ipocrita. Noi vogliamo cambiare il Paese, i grillini invece preferiscono fare dispettucci al Pd”

Il Senatore Francesco Verducci del Pd, Coordinatore nazionale dell’Associazione politica Rifare l’Italia e vicepresidente della commissione di Vigilanza Rai, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sul ddl Cirinnà. “Se il M5S avesse mantenuto fede alle dichiarazioni fatte –ha spiegato Verducci-, noi questa legge l’avremmo già votata la settimana scorsa, con la stepchild adoption compresa. L’avrebbero votata anche i cattodem perché, al di là di tutto il dibattito che c’è stato, il Pd ha sempre tenuto un’impostazione che è quella del testo arrivato in aula, tranne per alcuni casi di libertà di coscienza. Il voltafaccia del M5S ha cambiato le cose. Ora c’è il pericolo che la stepchild non abbia i voti in parlamento, soprattutto dopo l’atteggiamento dei 5 stelle. Noi siamo contrarissimi allo stralcio. Io penso che il Pd confermerà la sua impostazione, cioè continuare in aula con la legge tutta intera, poi però dovremo verificare i numeri dei parlamentari. Dobbiamo dire con forza no allo stralcio, perché non si possono fare trattative sui diritti dei bambini. Dobbiamo fare in modo che non ci sia alcun automatismo sulle adozioni, ma un percorso vigilato dai giudici, ma non possiamo andare al di sotto questo. Non parliamo di coppie che devono adottare, ma di bambini che già vivono con il proprio genitore biologico e con il suo partner e che quindi devono una continuità familiare e affettiva. La Corte costituzionale gli ha già riconosciuto questo diritto. La questione dell’utero in affitto l’hanno tirata fuori le destre, che hanno fatto una battaglia politica molto dura che ha introdotto nel nostro dibattito questo tema che non c’era nella legge. Perché c’è già la legge 40 che condanna la maternità surrogata con una pena di reclusione fino a 3 anni. Abbiamo proposto di fare un intervento normativo ad hoc che rafforzi le pene accessorie per chi ricorre alla maturità surrogata e che il governo stipuli convenzioni internazionali con paesi in cui è a rischio la libertà della donna, che impediscano agli italiani di andare in quei paesi ad utilizzare questa pratica. Ma questi interventi non c’entrano con la legge Cirinnà, che non si occupa di questo, si occupa di altro”.

Alessandro Di Battista del M5S ha dichiarato che il canguro è squadrista e antidemocratico. “Penso che sia un atteggiamento molto ipocrita –ha affermato Verducci-. Di Battista cerca di rimediare in maniera maldestra ad una sua intervista in cui ha detto che se anche il ddl Cirinnà non dovesse passare non sarebbe un problema perché è una legge qualunque, come ce ne sono tante. Invece non è così. Di Battista sa bene che è in atto al Senato un ostruzionismo da parte delle destre per non far passare questa legge. Quando mercoledì scorso i 5 stelle hanno deciso di non votare il canguro, Gasparri, Calderoli e Giovanardi hanno applaudito. L’emendamento canguro è assolutamente legittimo e cerca di rispondere all’ostruzionismo che è in atto. Il difetto del nostro parlamentarismo è che non si riesce a decidere. E’ dal 2006 che il Paese aspetta questa legge. Noi vogliamo cambiare il Paese, altri invece preferiscono fare dispettucci al Pd a scapito di persone che chiedono giustamente i loro diritti”.

Riguardo la nomina di Daria Bignardi a direttrice di Rai 3. “Giudicherò la Bignardi da quello che farà –ha affermato Verducci-. Vedremo che impulso darà a Rai3. Lei è una grande innovatrice dei linguaggi televisivi. La Rai ha bisogno di ricostruirsi un pubblico di giovani, deve essere più contemporanea. La Bignardi da questo punto di vista ha tutti i requisiti per far bene. Campo Dall’Orto ha fatto le proposte, la politica non interferisce, giudica i fatti”.

Fonte: Radio Cusano Campus