10 dicembre 2016

Roma – Magi (Seg. Naz. Radicali): “I 6 candidati sindaci sono ignoranti sulla questione del debito”

Riccardo Magi, Segretario nazionale dei Radicali Italiani, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la dichiarazione dei candidati sindaci alle elezioni amministrative di Roma in merito al debito del Comune. “I sei candidati sembra siano molto impreparati considerando ciò che dicono. – ha affermato Magi  Sembra che non conoscano informazioni fondamentali riguardo il debito del Campidoglio. Alemanno appena arrivato non voleva dichiarare il fallimento, allora il Governo trovò l’escamotage, che è un unicum giuridico, di creare scomporre il bilancio, creandone due: quello pre-aprile 2008 e quello che c’è tuttora. Io la chiamo la scatola nera della capitale. Se si andasse vedere cosa c’è dentro, si capirebbe il disastro della città dov’è. Questo unicum giuridico ha consentito di scorporare il debito pregresso. Nel 2013 finalmente il commissario fa la relazione al parlamento e dice che il debito è di 22 miliardi di euro, c’è un piano di rientro fino al 2024, con rate da 500 milioni di euro l’anno. Prima erano pagate dal governo, poi Tremonti le ridusse a 300 milioni e gli altri 200 ce li mette il Comune e quindi i cittadini con l’addizionale Irpef. Non capisco tutto questo sensazionalismo in questo momento, sono cose che si sanno da tempo. Questi 6 candidati sindaci sono ignoranti in materia di conoscenza della capitale. La creazione del commissariamento del debito, che trovò d’accordo centrodestra e centrosinistra, ha segnato la deresponsabilizzazione della classe dirigente. La giunta Alemanno aveva infatti aumentato la spesa corrente. Il comune è fallito, la gestione commissariale del debito è stato un escamotage per mascherarne il fallimento. La politica ha voluto evitare di essere messa di fronte alle proprie responsabilità. Il debito si è creato con la spesa corrente fuori controllo, municipalizzate hanno prodotto debiti non producendo servizi pubblici all’altezza. Ora il debito è arrivato a 13 miliardi. Ma non c’è nulla di nuovo. I candidati sindaci dovrebbero dirci come vogliono agire per risanare questa situazione. A me sembra che invece stiano precostituendo questo alibi. Se le cose restano così questo problema ce l’avranno ma ce l’avevano pure i precedenti. Un candidato sindaco dovrebbe dire che si impegna ad eliminare quei fattori che hanno creato il debito fino ad oggi. Invece già si precostituisce l’alibi per non rispettare questi obiettivi minimi di risanamento. E’ un dibattito strumentale e anche un po’ gonfiato”. 

“Morassut? Non so se c’è impreparazione o disonestà intellettuale. – ha affermato Magi in merito alle dichiarazioni sul debito del candidato sindaco alle primarie del Pd – Non credo la prima, dato che Morassut è stato in bel due giunte Veltroni quindi è stato uno degli artefici del disastro finanziario. Un minimo di esame di coscienza se lo dovrà fare questa classe dirigente. Morassut, ma anche Causi. Questo debito qualcuno lo ha prodotto. Alemanno ha avuto una grande occasione, il governo gli ha detto che poteva ripartire da zero e non ha risanato nulla, anzi ha fatto esplodere il debito. Se queste sono le ricette del candidato sindaco o sono disinformati o disonesti. Risanare la capitale, significa soprattutto risanare Atac e Ama, però non le attaccano perché portano tanti voti”.

 

Fonte Radio Cusano Campus