8 dicembre 2016

Unioni Civili, Sen. Bencini (IDV): “Scripta manent, verba volant”

Alessandra Bencini, senatrice dell’Italia Dei Valori, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo il dietrofront del M5S sul ddl Cirinnà. “Scripta manent, verba volant. – ha esordito Bencini – Quando il ddl è stato discusso e votato in Commissione, c’erano commissari che rappresentano il M5S e che hanno dato il loro assenso. Più volte hanno detto che avrebbero votato questo ddl, se non fosse cambiata nemmeno una virgola. A loro non piace il canguro e allora gli hanno sparato. Per quanto possa essere esecrabile il metodo di eseguire una forma che fa saltare molti emendamenti, è una tecnica parlamentare che esiste. Valutato che il metodo per loro non era condivisibile, dovevano capire il merito. Questa legge è arrivata in aula senza relatore, con 5000 emendamenti. Ora ne rimangono 500, di questi ce ne sono circa 200 molto pericolosi e su molti si può richiedere il voto segreto. Se passano quegli emendamenti affossano il ddl, o lo modificano in maniera netta. Loro in commissione hanno detto che ci stavano, di conseguenza erano stati messi in conto come favorevoli”.

 Per quanto riguarda la libertà di coscienza. “Mi sembra chiaro – ha affermato Bencini – che all’interno dei vari gruppi politici, quelli che sono contrari alla stepchild adoption si sono palesati. Al netto di questi soggetti, si fa la conta per sapere quanti sono d’accordo e quanti in disaccordo. In alcuni punti è pretestuoso chiedere il voto segreto. Diventa una roulette russa. Perché qualcuno davanti ti dice di sì e poi vota no. Ad alcuni, come se dovessero giocare alla slot machine, piace dire sì e poi votare no. Nicola Morra dice che se si vuole il ddl può essere approvato in 3 giorni. Sono tutti bravi a parlare. In realtà ci sono dei tempi tecnici. Gli emendamenti vanno discussi. Il rischio è trovarsi in mezzo emendamenti che amputano la legge”.

“Monica Cirinnà l’ho vista pochi minuti fa. –ha rivelato Bencini – È dispiaciuta ma anche molto fiduciosa, forte del fatto che è convinta di portare avanti questo ddl fino in fondo. È al momento la miglior legge fattibile che si possa immaginare. Renzi quando diventò segretario del Pd, aveva messo nella sua mozione le unioni civili con la stepchild adoption. La sua mozione ha vinto con il 70% dei voti, quindi si era già espresso. Coloro che hanno eletto Renzi a segretario di partito, hanno anche avallato certi obiettivi politici”.

Fonte Radio Cusano Campus