3 dicembre 2016

Terzo giorno a Phillip Island, ecco Marquez

Terminano i test a Phillip Island e il terzo giorno di prove è caratterizzato dalle cadute, tante. La tabella tempi è dominata da Marquez seguito da Viñales, sorpresa del day 2 e da Crutchlow di LCR Honda. Crono strettissimi anche in questa sessione finale di secondi test del 2016 con ben tredici piloti sotto l’1.30s e racchiusi in 0.837s. Repsol Honda è veloce e stabile, il suo team satellite è vicino e Suzuki conferma quella che forse non è più una sorpresa. Movistar Yamaha resta tra i migliori con Jorge Lorenzo, il campione del mondo in carica è nono in classifica della giornata ma concentrato su un lavoro generale di preparazione della moto. Rossi segna il quinto miglior tempo.

Giornata di incidenti e uscite di pista. Miete cadute la curva 4 già protagonista in negativo delle sessioni precedenti con il dritto di Pedrosa nel secondo giorno. Questo venerdì nella sabbia, in vari punti del tracciato, finiscono Lorenzo, Tito Rabat, Miller, Viñales, Pol Espargaro, Aleix Espargaro, Crutchlow, Petrucci, Smith, Laverty e Marquez; una falce che miete dritti e undici piloti in totale per terra.

Aleix Espargaro è caduto addirittura due volte, la prima alla curva 6 e la seconda alla quattro così come Tito Rabat soccorso dal personale sanitario. Tra gli incidenti è Petrucci ad avere la peggio; caduto alla curva otto si è fratturato il secondo, il terzo e il quarto metacarpo della mano destra; sabato si sottoporrà a controlli sanitari a Melbourne.

La mattina finale di test a Phillip Island è stata caratterizzata dal bel tempo; solo un breve rovescio ha fermato le prove e il lavoro sulle moto. Anche se le nuvole minacciavano in lontananza il circuito i sette corridori che sono usciti per primi hanno abbattuto il muro dell’1.30s in soli due passaggi. Loris Baz è migliorato tanto, il pilota di Avintia Racing scende sotto di mezzo secondo rispetto al suo passaggio di giovedì, relativamente è la miglior prova della giornata.

I piloti hanno spinto sempre più forte nel tentativo di migliorare i propri tempi, forse è stata questa la causa principale delle cadute che si sono verificate in successione.

Come in tutto il test australiano la pioggia anche nel terzo giorno ha detto la sua e si è abbattuta a metà mattinata sul circuito di Beach Road; stop al lavoro delle scuderie e un ritardo di oltre due ore che ha ridotto la possibilità di testare i prototipi in modo costante. Alla fine solo poche ore sono rimaste per tornare a girare in condizioni buone e sono state sfruttate al massimo da piloti e team.

A guidare la classifica tempi del venerdì è stato Marc Marquez, più veloce di 0.141s di Maverick Viñales. Cal Crutchlow è terzo grazie ad una serie di bei passaggi negli ultimi minuti finali di test. La sorpresa della giornata è Hector Barbera, Ducati Avintia che strappa il quarto miglior tempo con un 1:29.361s. Forse non un caso visto che il suo compagno di box, Loris Baz è sesto. A dividere i due su moto italiana è Valentino Rossi, quinto con il miglior passaggio di 1:29.435s. Settimo Dani Pedrosa, Repsol Honda, che in questo ultimo giorno di prove ha dimostrato miglioramenti costanti e si è posto davanti Pol Espargaro. A completare i migliori dieci Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, staccato di 0.702s dal leader della giornata.

Grazie al suo splendido 1:29.131s del day 2 Maverick Viñales lascia il test australiano come il pilota più veloce in classifica combinata davanti Marquez e Cal Crutchlow, al britannico gli sono bastati meno di venti minuti nel giorno finale per essere il terzo migliore dei test australiani.

Nonostante un difficile ultimo giorno, Jorge Lorenzo in Australia è il quarto pilota più veloce, 0.004s il margine che lo separa da Hector Barbera che è quinto a prova di una Ducati Desmosedici GP14.2 ancora veloce e competitiva dopo due anni di evoluzioni nel reparto corse di Borgo Panigale. L’ 1:29.404s segnato giovedì vede terminare Valentino Rossi sesto in classifica tempi generale del test dimostrando la buona condizione del team Yamaha ufficiale.

Ducati mette un suo pilota satellite al secondo posto nei test di Phillip Island; le modifiche alla posizione di guida, le nuove pedane adatte alla sua statura sembrano aver giovato al pilota vittima del pauroso incidente di Sepang. Segue da vicino in classifica combinata Dani Pedrosa con il miglior tempo di 1:29.606s.

Completano la top dieci dei tempi combinati Pol Espargaro e Andrea Iannone che nella tre giorni di test sono stati i piloti che hanno fatto più giri di pista. In classifica generale Iannone è seguito da vicino dal compagno di squadra Andrea Dovizioso e da Scott Redding di Octo del Pramac Yakhnich.

Il connazionale Bradley Smith lascia Phillip Island al tredicesimo posto davanti al leader di mercoledì Danilo Petrucci e Jeck Miller. Tito Rabat è sedicesimo e, a chiudere la classifica dei tempi combinati fatti registrare dai corridori, Aleix Espargaro e il duo di Aspar MotoGP™ Yonny Hernandez e Eugene Laverty. Takuya Tsuda, collaudatore Suzuki, è ventesimo.

Piloti e team saranno impegnati nel terzo test ufficiale della classe regina la seconda settimana di marzo sul circuito di Losail. Poi, tutto sarà pronto per l’inizio del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.