2 dicembre 2016

Ladispoli – Abusi sul litorale, il M5S chiede legalità e salvaguardia dei posti di lavoro

Per tutelare i cittadini e il bene comune, oltre che gli imprenditori che svolgono la propria attività rispettando le leggi, il Movimento 5 Stelle, nel gennaio 2015, presentò un esposto alla Procura della Repubblica, denunciando l’abusivismo pluridecennale sul litorale di via Roma.

Questo perché le strutture e gli interventi realizzati in tali aree (sottoposte a vincolo paesaggistico[1]) risultano eseguiti in violazione delle normative comunali, provinciali e regionali[2], in altre parole sono abusivi.

Le indagini condotte dalla GdF e i sopralluoghi dei funzionari ASL hanno, per altro, riscontrato gravissime irregolarità igienico sanitarie, scarichi fognari non allacciati alla rete comunale, strutture fatiscenti, impianti non a norma, assenza di impianti antincendio, ecc. Tutto ciò accadeva su terreni posti in prossimità di aree protette a livello comunitario, quali la palude e il posidonieto di Torre Flavia[3].

Queste gravissime illegalità sono nate e cresciute nel corso degli anni a causa di un comportamento quantomeno ambiguo dell’Amministrazione comunale che, consapevole degli abusi presenti, concedeva comunque “autorizzazioni stagionali provvisorie”, affidando alla Polizia Locale la vigilanza sul rispetto delle normative.

È del tutto evidente che tale meccanismo, unitamente alla presunta assenza di controlli, ha assunto un ruolo determinante nel consolidamento dell’abusivismo, senza fornire peraltro una soluzione legale alla problematica. Per capire a fondo la questione, bisogna evidenziare che, tra i proprietari delle attività abusive su via Roma, ci sono notissimi politici ed ex politici ladispolani. Tutto, insomma, sembrerebbe in linea con i soliti meccanismi di potere locali.

Questa continua tolleranza dell’illegalità ha prodotto danni ai cittadini e all’ambiente, per non parlare delle ricadute negative sul settore turistico: è sufficiente pensare al continuo riversamento in mare e nel terreno di acque nere non depurate. Danni che, naturalmente, colpiscono anche gli operatori in regola, che per fortuna sono la stragrande maggioranza.

Preso atto della gravità della situazione, è necessario trovare una soluzione per il ripristino della legalità, consentire l’eventuale svolgimento di attività regolari e, non ultimo, la salvaguardia dei posti di lavoro. Il M5S auspica, e proporrà come azione di governo, anzitutto l’eliminazione delle strutture abusive e la messa a norma degli impianti e, successivamente, l’attuazione di iniziative che potrebbero consistere nella gestione “associativa” delle attività, così come normativamente previsto, la realizzazione di opere compatibili con la destinazione urbanistica dei terreni interessati (es. agri-campeggi), lo svolgimento di iniziative sostenibili per il mantenimento della biodiversità.

La nostra città sta vivendo da tempo momenti difficili, tra blitz contro clan camorristici, usura, incendi di locali commerciali, incursioni e incendi notturni nel palazzo comunale con sparizioni di documenti, inchieste in corso su più fronti che coinvolgono anche esponenti politici locali. E’ indispensabile che la politica riprenda il suo ruolo in difesa della legalità e dei cittadini, vittime della criminalità.

Il Movimento 5 Stelle nasce anche dalla forte necessità di garantire la legalità. Ciò che in politica dovrebbe essere la normalità ma che, di fatto, non lo è. E’ questa la strada da seguire. I politici che invece continuano a mettere la testa sotto la sabbia sono in malafede o “semplicemente” incapaci di pensare a soluzioni nuove per problemi spesso causati dalla politica “vecchio stampo” come quella di Ladispoli.

[2]          Piano Regolatore Generale (PRG), Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR), Codice dell’Ambiente (Dlgs 42/04), Piano Territoriale Provinciale Generale (PTPG)

Movimento 5 Stelle Ladispoli

About Ruggero Terlizzi 2863 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it