10 dicembre 2016

Cerveteri – Pascucci: “Indagini sulla mia persona: risposta a Orsomando e De Angelis”

 

In risposta all’interrogazione n. 3944 del 27/01/2016 con la quale il Presidente del Consiglio Salvatore Orsomando e il Consigliere comunale Aldo De Angelis chiedono informazioni in merito ad indagini in corso, si fa presente che durante il mio mandato, ogni volta che ho ricevuto una comunicazione ufficiale in merito a indagini in corso relative alla mia persona, ho prontamente informato, attraverso tutti gli organi a mia disposizione (Consiglio Comunale, stampa, social network, incontri pubblici), la cittadinanza. Non è possibile che il Consigliere comunale Aldo De Angelis e, ancora di meno, il Presidente del Consiglio Comunale Salvatore Orsomando, non ricordino tutte le spiegazioni molto dettagliate che di volta in volta ho fornito all’Aula Consigliare in seduta pubblica. È bene ricordare, ma i Consiglieri interroganti dovrebbero saperlo, che il Consiglio Comunale è trasmesso via radio (su Radio Lyra Caere) e in streaming (www.inquelposto.com). Quasi mai i due Consiglieri interroganti hanno partecipato agli incontri pubblici che regolarmente tengo con i cittadini, durante i quali ho sempre svolto una puntuale opera di informazione sulle indagini a mio carico e sugli sviluppi delle vicende giudiziarie. Ricordo però con precisione la presenza del Presidente del Consiglio Comunale all’incontro avvenuto con i residenti del Residence Saturno (11 ottobre 2015), durante il quale con estrema cura ho raccontato gli sviluppi dell’indagine legata proprio alla tematica degli scarichi fognari nel fosso tombato Manganello che mi vede coinvolto. Per estrema chiarezza e trasparenza, non ho comunque problemi a ribadire quanto già detto in Aula Consigliare e in tutte le occasioni su menzionate. E, al prossimo Consiglio Comunale, presenterò di nuovo all’Aula quanto contenuto in questa risposta.

In questo momento, per quanto ne so, sono iscritto al registro degli indagati per 4 diversi procedimenti.

Il primo relativo all’Isola Ecologica sita in via Settevene Palo nuova. Nello specifico si contesta l’esercizio senza requisiti del centro di raccolta. Faccio presente che l’attività contestata non è iniziata nel corso del mio mandato. Tutt’altro: è stata svolta ininterrottamente dal gestore (società Tekneko) dalla data di consegna ufficiale dell’area da parte del Comune di Cerveteri. Tale trasferimento è avvenuto il giorno 30 luglio 2008. È bene ricordare ai Consiglieri interroganti che in quel momento era Sindaco Gino Ciogli e l’assessore all’Ambiente era proprio Aldo De Angelis.

Il secondo procedimento è legato alla vicenda degli scarichi fognari nel fosso tombato del Manganello. Nello specifico si ipotizza il reato di omissione in atti di ufficio. Vorrei però anche in questo caso raccontare nel dettaglio ciò che sta avvenendo e perché sono indagato. Per decenni, numerosissimi scarichi sono stati inviati dalle abitazioni nel fosso tombato Manganello senza nessuna depurazione. Questo potrebbe aver causato un inquinamento delle nostre acque (anche del nostro mare) oltre ad aver esposto i cittadini a delle sanzioni (o a provvedimenti più seri). L’indagine cominciata tempo fa è stata conclusa mentre ero Sindaco. Ed è per questo che, unicamente nella veste di legale rappresentante del Comune di Cerveteri, sta a me risponderne. Non appena il problema è diventato noto, la mia Amministrazione si è però subito attivata coinvolgendo immediatamente ACEA ATO 2 che, come attuale gestore del servizio idrico e quindi detentore delle tubature delle nostre fogne, ha l’onere e la responsabilità degli interventi sulla rete. Nella parte alta della città il problema è già stato risolto ed è in corso il lavoro per risolverlo nella parte bassa. In questi mesi abbiamo più volte incontrato i cittadini di quelle zone per spiegare loro cosa stava succedendo e anche per rassicurarli visto che molti di loro si sono visti recapitare a casa una sanzione senza essere a conoscenza del problema. Non solo, nei confronti di chi si era palesemente allacciato alla rete in modo abusivo, abbiamo intimato di provvedere a eliminare immediatamente il pericolo. Ma io non sono indagato per gli scarichi abusivi. Anche perché nessuna delle autorizzazioni incriminate è stata rilasciata durante il mio mandato. Sono tutte precedenti (alcune risalenti al periodo in cui Aldo De Angelis era Assessore all’Ambiente). Mi viene invece imputato di non aver emesso una ordinanza restrittiva contro i cittadini che abitavano in quelle case nei mesi successivi alla scoperta del problema. È bene che i cittadini e gli interroganti sappiano però che non è il Sindaco a scrivere le ordinanze. Il Sindaco le emana, firmandole, quando e se proposte dai competenti Uffici. Questo a maggior ragione quando, come in questo caso, si tratta di ordinanze di natura tecnica. In questa specifica situazione, i nostri Uffici hanno ritenuto che gli interventi strutturali in corso fossero sufficienti e non fosse necessario emettere nessuna ordinanza. Ed è per questo sono indagato. È bene anche ricordare a tutti, soprattutto ai cittadini, che il problema di questi scarichi esisteva da decenni e oggi, per la prima volta, è già stato risolto in parte, mentre l’altra parte è in fase di risoluzione. La vicenda risale a molti anni prima del mio insediamento tanto che abbiamo appreso dagli atti che nel procedimento vi era una serie di indagati (tecnici comunali oggi non più in servizio, professionisti e imprenditori del territorio), tutti individuati come possibili responsabili degli scarichi abusivi. La posizione di queste persone, però, è stata archiviata per prescrizione.

La terza vicenda è legata al depuratore del Sasso. Nella frazione del Sasso non è mai stato presente nessun depuratore. Questo significa che nei decenni, tutti gli insediamenti urbani hanno scaricato le acque scure direttamente nei corsi d’acqua. Quando mi sono insediato ho trovato un depuratore realizzato dalla precedente Amministrazione comunale ma mai attivato. Ho scoperto poi che l’opera, seppur realizzata e pagata dal Comune, non era completa in quanto mancavano i collegamenti alla rete. Abbiamo stanziato quindi 120.000 euro nei primissimi mesi del mio mandato per completare l’impianto. L’opera è stata quindi completata e, fatte tutte le verifiche del caso, è  entrata in funzione il giorno 1 dicembre 2014. Ribadisco ancora una volta che fino a quel giorno non era presente nessun depuratore a servizio della frazione del Sasso. Nei mesi successivi, le verifiche effettuare dall’ARPA Lazio hanno evidenziato alcune anomalie nei valori degli scarichi a valle del depuratore. Questo ha generato l’indagine che mi vede coinvolto. Di nuovo, in quanto Sindaco e legale rappresentante dell’Ente.

La quarta e ultima questione è legata alla nomina dei Dirigente all’Urbanistica ing. Mauro Nunzi. A seguito delle dimissioni dell’architetto Adalberto Ferrante (avvenute nell’agosto del 2014) era necessario individuare un nuovo Dirigente all’Urbanistica. Ho allora attinto dall’elenco comunale dei perofessionisti costituito a seguito dell’avviso pubblico con il quale avevamo individuato anche l’arch. Ferrante. Tra questi ho individuato l’ing. Mauro Nunzi. Dopo aver verificato la sua disponibilità e averci parlato, gli ho formalizzato l’incarico per soli tre mesi in modo da poterci conoscere e decidere se continuare a lavorare insieme o meno successivamente. Il decreto di nomina è stato firmato il giorno 01/10/2014, con scadenza il 31/12/2014. Avendo apprezzato considerevolmente le doti e le capacità del’ing. Nunzi, ho allora rinnovato il suo incarico dal giorno 01/01/2015 fino alla fine del mio mandato. A seguito di un esposto apocrifo pervenuto al Comune nei mesi successivi (marzo 2015), si è scoperto che al momento della firma del primo decreto (quello della durata di tre mesi), l’ing. Nunzi non possedeva tutti i requisiti per l’incarico. Infatti una nuova norma impedisce a chi ha ricoperto ruoli in Comuni di una data Regione di avere per i 12 mesi successivi incarichi dirigenziali nei Comuni della stessa Regione. Essendo stato Consigliere comunale a Civitavecchia fino al giorno 26/11/2013, l’ing. Nunzi non avrebbe potuto ricevere l’incarico a Cerveteri fino al giorno 26/11/2014. Quindi alla luce della nuova normativa per 56 giorni era ancora incompatibile ad assumere l’incarico, mentre 56 giorni più tardi sarebbe stato perfettamente compatibile. Come è facile immaginare, non sta al Sindaco verificare i requisiti di compatibilità. Ed infatti, al momento della firma del primo incarico, non ero a conoscenza di questa norma. Anzi gli Uffici competenti avevano svolto tutte le verifiche del caso e ritenuto l’ing. Mauro Nunzi idoneo. È bene far presente che il problema non si è presentato nel secondo incarico dato all’ing. Nunzi, e a tutt’oggi in corso. Per tanto, avendo firmato in qualità di Sindaco il decreto di nomina, sono indagato per abuso di ufficio.

In risposta agli altri quesiti degli interroganti, faccio presente che non ho notizia di ulteriori indagini relative a procedimenti urbanistici, né alle altre tematiche sollevate.

In merito ad eventuali indagini in corso sul nostro personale dipendente, faccio osservare ai due interroganti che compete ad altri organi del Comune (dirigenza e responsabili anticorruzione) fare le verifiche di rito sulle dichiarazioni dei dirigenti in tema di conferibilità e incompatibilità. Tali organi sono certamente aggiornati sulle eventuali problematiche di carattere penale che interessano il personale dipendente e ad essi è giusto che siano indirizzate le richieste di notizie a tal riguardo. Ma questo, un Consigliere comunale, e ancor più un Presidente del Consiglio, dovrebbero saperlo.

Ovviamente, come previsto dalla normativa, mi difenderò in tutte le sedi opportune per i capi di imputazione che mi sono stati rivolti.

Il Sindaco

Alessio Pascucci

About Ruggero Terlizzi 2880 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it