11 dicembre 2016

Roma – Storace: “Bertolaso ha smesso di fare pressioni su di me perchè ha paura di un altro processo”

©AlessandroParis/Lapresse Roma 04-04-2008 poitica Il caffe di Sky intervista Francesco Storace Nella foto: Francesco Storace

Francesco Storace, leader de La Destra e candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative a Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ecg Regione”, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Bertolaso ha fatto pressioni per non farlo candidare. “Ora non sto più subendo pressioni da Bertolaso per non candidarmi –ha spiegato Storace-. Prima ci aveva provato, so che ha importunato un po’ di gente. Ma con me è inutile. Forse ha smesso perché ha paura di un altro processo, che sarebbe il terzo. Io mi sono dimesso quando ero indagato, Bertolaso no”.

Sul centrodestra. “In questo momento a me del centrodestra interessa poco, perché non lo capisco –ha detto Storace-. Noi abbiamo lanciato il 31 gennaio una manifestazione di domenica pomeriggio, col blocco del traffico, all’estrema periferia della città alla Pisana, eppure sono accorse migliaia di persone. Da lì è partita una grande proposta politica al centrodestra: facciamo insieme le elezioni primarie. Invece, capriole dopo capriole, prima hanno messo il veto su di me e poi hanno deciso di non fare le primarie. Quasi che la destra rimasta pulita abbia difficoltà di accesso a quelle stanze, nonostante l’argenteria sia sempre rimasta al suo posto. Io ho fatto un percorso accidentato nella mia vita, sono 8 anni che non sto in Parlamento, ogni volta che mi vedono si chiedono: ma questo è ancora vivo? E questo gli dà fastidio, perché io ho detto no al Pdl, operazione spregiudicata di palazzo che serviva solo per il potere e poi è fallita. Ci sono tanti piccoli Verdini, ma a me non piace il trasformismo. A me invece piace fare politica portando avanti le mie idee. Anche io ho avuto il dubbio che il centrodestra voglia perdere le elezioni. Ci sono 3 leader che scelgono e gli altri dei loro partiti che dicono sì a tutto. Si accorgeranno alle elezioni che il centrodestra terzo è nei sondaggi e terzo arriverà alla fine, e sarà sopravanzato alle elezioni da me e da Marchini”.

Il potere di Renzi. “A Roma si gioca contro poteri fortissimi, come quello di Renzi che sta mettendo le mani su tutta Italia –ha affermato Storace-. Io ho un potere forte, il popolo, il potere più forte che c’è. E’ già accaduto a Napoli e Palermo che i partiti ridotti a larve hanno fallito. Bertolaso è come se l’avesse nominato Renzi. Bertolaso ha appoggiato Rutelli e oggi voterebbe Giachetti”.

Sul suo programma per governare Roma. “A Berlusconi dissi che il sovrano non è più lui, ma il popolo –ha spiegato Storace-. Io voglio un sindaco che faccia fare bella figura a Roma, e Roma ha bisogno di un sindaco che dedica tutto se stesso a risolvere i problemi della città, anziché risolvere gli affari suoi. Non c’è più il messaggio dei grandi portatori di voti, te li devi conquistare uno per uno. La mia campagna elettorale è fatta strada per strada. Voglio vincere questa partita avendo idee chiare su come governare questa città. Rutelli e Veltroni hanno lasciato 22 miliardi di debiti,poi ridotti a 14 dalle successive amministrazione. E’ un fardello che rischiamo di portarci a colpi di 900 milioni l’anno per i prossimi anni. Se io vincessi, mi rivolgerò a Giachetti per chiedergli di aiutarmi a capire come li hanno fatti sti debiti. A Roma abbiamo un problema di efficienza della macchina amministrativa. I dipendenti comunali sono pochi e sono malpagati. Per far funzionare la macchina bisogna riappacificarsi con loro. C’è la vergogna dei concorsi bloccati. Io sogno che il Comune parli coi suoi dipendenti, li motivi, che faccia capire ai cittadini che il salario accessorio non è una truffa, non è un privilegio. Questo riaccenderebbe la passione all’interno degli uffici, la voglia di servire il prossimo. Io voglio essere il sindaco che assomma su di sé la delega alla sicurezza. Bisogna illuminare tutte le perfierie della città. Un comandante della polizia municipale deve dire ai suoi vigili di stroncare l’abusivismo commerciale. Mettiamo insieme 100 squadre nelle strade più calde della città, presidiando le zone di frontiere. Bisogna garantire ai cittadini italiani che vivono a Roma che non sono gli ultimi. Prima i nostri figli e le nostre famiglie negli asili e nelle scuole comunali. Prostituzione? E’ un errore sottovalutare l’ordinanza anti-prostituzione. Serve il controllo del territorio, con pattuglie che vanno in giro e quello spettacolo incredibile che si vede ad esempio su via salaria non ci deve più essere. Poi a livello nazionale il legislatore dovrà decidere le soluzioni definitive. Spaccio? “Drogarsi non è un diritto, ma è un delitto verso se stessi e verso l’umanità” andrebbe scritto dappertutto, perché dobbiamo agire culturalmente abbassando la richiesta”.

Su Giorgia Meloni. “La Meloni ha scelto come candidato un signore abbastanza anziano, con diversi problemi giudiziari, scelto senza primarie –ha affermato Storace-. In FDI c’è un dibattito abbastanza vivace. Ieri mi ha telefonato Assunta Almirante per incoraggiarmi in questa campagna elettorale, credo che questo valga più dell’appoggio dei 21 dirigenti di FDI. E’ profondamente sbagliato che la Meloni dia lezioni di nuovismo quando è stata al governo come ministro, con un incarico più lungo di quello di Mastella. Non è rispettoso poi parlare di cariatidi rispetto a Berlusconi. Io ho molta ammirazione per la Meloni, ma l’ho vista un po’ perduta in queste situazioni. Io in parlamento non ci sto da 8 anni, lei ci sta da 10 e poi sceglie Bertolaso che ha 65 anni suonati. Io sono stato sincero e leale col centrodestra. Il 31 gennaio mi sono candidato per le primarie del centrodestra. Nel momento in cui attaccano più me che Giachetti e mi individuano come maggior nemico, oggi annuncio la mia candidatura indipendente a sindaco di Roma. La mia candidatura rompe gli schemi, dico basta a questo atteggiamento patronale nel centrodestra. Con Fini e Alemanno ho combattuto, ho avuto scontro durissimi (lo scrivo nel libro ‘La prossima, a destra’). Sapere i miei ex avversari mi voteranno non è un mio problema, a me interessa il voto dei romani”.

Nessun complotto per far vincere i 5 stelle. “Roma deve avere quello che gli spetta –ha affermato Storace-. Credo che io e Zingaretti porteremo molte risorse a Roma, perchè ci sarebbe una competizione virtuosa. E in ogni caso noi i soldi per Roma li porterei comunque,. Il complotto di cui ha parlato la Taverna? Quelli dei 5 Stelle sono contorti. Dubitano delle loro capacità. Mi fanno pensare che se un grillino dovesse ricevere Obama in Campidoglio gli chiederebbe quanto guadagna. L’amministrazione di Roma non può essere presa in mano da un inesperto reclutato sul web”.

Un aneddoto sulle raccomandazioni quando era presidente della Regione Lazio. “Mi è capitato –ha raccontato Storace- che una ministra di sinistra mi chiedesse una raccomandazione per un giovane ex tossicodipendente. Lo facemmo lavorare in Regione, dopo qualche settimana chiamai la ministra e gli dissi: prima che questo fa a botte con tutti i dipendenti della Regione, vienitelo a riprendere perché non è un ex tossicodipendente, è ancora un tossico”.

Ai tifosi laziali che gli rimproverano di aver dato la Lazio in mano a Lotito. “Ho grande rispetto per chi tifa una squadra diversa dalla mia –ha detto Storace-. La Lazio a Lotito gliel’ha data Cragnotti perché nel 2003-2004 la Lazio fallì. Non potevo contravvenire alla legge. Se un creditore chiede di certificare i crediti che doveva avere dalla regione come ha fatto Lotito io non posso oppormi.  Lui è andato in banca con un pezzo di carta che la regione aveva il dovere di fargli vedere. Poi ha combinato quel che ha combinato. Con me faceva il romanista, con qualcun altro faceva il laziale. A lui fregava solo delle sue tasche. Lui ci ha rimesso con la mia amministrazione, non vinceva più le gare”.

AUDIO INTERVISTA http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517

Fonte: Radio Cusano Campus