9 dicembre 2016

Roma – Fini: “Bertolaso coniglio tirato fuori dal cilindro, ma la maionese è impazzita”

Gianfranco Fini è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

È scontro tra gli alleati del centrodestra sul nome di Guido Bertolaso, dopo che Matteo Salvini ha frenato sulla candidatura dell’ex capo della protazione civile. “E’ impazzita la maionese –ha commentato Fini-. I tre cuochi non riescono più a portare in tavola un piatto decente. Finchè il centrodestra aveva il vento in poppa era semplicesedersi attorno a un tavolo e scegliere tra una gamma di candidati credibili. Oggi non è più così, ci sono tanti elettori che non votano più centrodestra. Salvini, Berlusconi e Meloni però tornano comunque a sedersi ad Arcore per decidere, senza capire che i tempi sono cambiati. Sempre di più si ricorre a conigli tirati fuori dal cilindro. Bertolaso, come Parisi, è persona rispettabile, ma non c’è più la capacità dei partiti di scegliere la classe dirigente. Bertolaso può raccogliere consensi in maniera trasversale, perché come Marchini è un candidato civico. Entrambi potrebbero essere candidati anche per il centrosinistra. Se si vuole interpretare l’elettorato di centrodestra e poi si dice di aver votato sempre per Rutelli, si dice che i rom sono una categoria protetta, è chiaro che si sta su un altro pianeta. E’ probabile che ci sia stato un dietrofront di Salvini perché non tutte le caselle sono andate nel posto giusto nella spartizione tra i 3 partiti. E’ deprimente che non salvano nemmeno più la forma. La sinistra almeno in apparenza, con le primarie, cerca di salvare la forma. Le primarie non sono salvifiche, ma potevano riattivare un circuito di partecipazione, certamente male non facevano. E’ difficile trovare una linea di demarcazione tra i candidati, da Bertolaso a Marchini a Giachetti. E’ la dimostrazione della crisi profonda della politica e del venir meno dell’importanza dei partiti. Rampelli? E’ un dirigente autorevole di FDI, ma evidentemente sul suo nome non c’era il consenso di Berlusconi e Salvini. Se sosterrò Storace? La sua è una candidatura che interpreta un elettorato di destra che a Roma c’è sempre stato. Sicuramente il consenso lo raccoglierà, spero che sappia presentare un programma credibile, il fatto che abbia governato la regione Lazio lo aiuterà”.

Giorgia Meloni ha attaccato i frondisti di Fratelli D’Italia definendoli “21 persone che hanno scelto di seguire Gianni Alemanno nel suo nuovo partitino con Gianfranco Fini e che vogliono trascinare nel baratro insieme a loro tutto quello che è sopravvissuto della destra italiana”. “La Meloni –ha replicato Fini- è una ragazzina che si è montata la testa. Sono dichiarazioni che non meritano neanche di essere commentate. Si ricordi in ragione di quali scelte è arrivata a fare il ministro… Al di là dell’ingratitudine, la Meloni poteva allargare i confini della destra e invece coltiva l’orticello di FDI. Ha litigato con Alemanno, detesta Storace, se ha bisogno dello spauracchio del vecchio nemico faccia pure, ma è ridicola. Lei è stata molto responsabile quando ha detto che affrontare la campagna elettorale al 7 mese di gravidanza non era il massimo. Se non fosse stata in quella condizione e si fosse candidata, avrei letto il programma prima di dire se l’avrei votata o no”.

Fonte: Radio Cusano Campus