9 dicembre 2016

Calcio – Allievi provinciali B, Virtus Divino Amore, Viscomi: “Vengo da scuola-Mosciatti, non molleremo”

Gli Allievi provinciali fascia B della Virtus Divino Amore stanno ricaricando le pile. La squadra di Leo Viscomi, altro “pezzo storico” del club capitolino (fu a lungo giocatore della squadra che strabiliò in Eccellenza con un certo Neno Mosciatti in panchina), è arrivata alla sosta con un leggero affanno come spiega lo stesso allenatore. «Eravamo terzi fino a un mese e mezzo fa, poi c’è stata una piccola flessione dovuta a qualche assenza di troppo, causata anche da un andamento scolastico un po’ problematico per un paio di nostri ragazzi oltre che da qualche infortunio. Ma io ho “studiato” alla scuola di Mosciatti e come lui sono uno che non si arrende facilmente: sono certo che i ragazzi si riprenderanno presto e potranno tornare a lottare per un posto sul podio virtuale a fine stagione». Gli Allievi B hanno giocato l’ultima gara ufficiale due settimane fa, vincendo con un secco 3-0 sul campo dell’Ostia Antica grazie alle reti di Binarelli, Mancini e Toppi. Nel primo impegno dopo la sosta, che arriverà sabato 27 febbraio, il gruppo di Viscomi è atteso dal Tre Fontane. «Si tratta di una compagine di bassa classifica, ma queste sono le partite peggiori da giocare perché hai tutto da perdere. Bisognerà affrontare l’avversario con rispetto e concentrazione perché dobbiamo cercare di fare bottino pieno». Al di là del calo coinciso con gli impegni del nuovo anno, Viscomi sembra complessivamente soddisfatto di quanto ha espresso finora la squadra. «I ragazzi mi seguono e quando scendono in campo esprimono sempre un gioco di buona qualità. Forse la pecca maggiore riguarda qualche limite caratteriale che non ci ha permesso di gestire al meglio determinate situazioni. La cosa che più mi preme, al di là del risultato finale, è cercare di aumentare la passione che questi ragazzi hanno verso il gioco del calcio: tutto gira intorno a quello – conclude Viscomi – e quanto facciamo durante la settimana ognuno di loro se lo porterà con sé anche in futuro: questo cerco di sottolinearlo sempre».