11 dicembre 2016

Arti Marziali – Asd Judo Energon Esco Frascati, Farina settima e Favorini terza in Spagna

Con la gara di Fuengirola è iniziata la stagione agonistica internazionale del judo. Nella popolosa cittadina spagnola, infatti, si è tenuta nello scorso week-end la prima delle otto tappe del circuito della European Cup categoria Cadetti che determineranno le otto teste di serie per le finali del campionato europeo in programma a luglio. In Andalusia erano presenti due atlete dell’Asd Judo Energon Esco Frascati, Veronica Farina nella categoria dei 52 kg e Flavia Favorini nei 57 kg. Buona la prestazione della Farina che ha esordito con una vittoria per ippon con la croata Umiljenovic. Dopo un incontro molto incerto, arrivava invece la sconfitta con l’inglese Javadian. Recuperata, Veronica vinceva per strangolamento con la spagnola Trillo, ma poi doveva cedere con la ceca Zachova e alla fine l’atleta tuscolana chiudeva con un buon settimo posto su 21 atlete partecipanti. Nella categoria dei 52 kg il primo posto veniva conquistato dalla torinese Lentini, che dominava letteralmente la prova. Ma Flavia Favorini si rendeva protagonista di un’eccellente prestazione: superato il primo turno come testa di serie, aspettava la vincente tra la britannica Bridges e la spagnola Suarez con quest’ultima che aveva la meglio sulla rivale. Flavia partiva in quarta attaccando l’avversaria con il suo grande ritmo e portando la sua rivale ad essere penalizzata con tre shido. Durante l’ennesimo attacco di Flavia, la spagnola per parare un attacco poggiava la mano sulla gamba di Flavia: l’arbitro spagnolo centrale bloccava l’incontro per squalificarla, ma i giudici di tavolo addetti al care system, non aiutati dall’angolo di visuale che avevano, annullavano la sanzione nonostante le proteste del maestro Moraci, presidente del Judo Frascati ma presente all’appuntamento in veste di direttore tecnico della Nazionale Cadetti. Flavia, pur in vantaggio, continuava ingenuamente ad attaccare ed incappava a 40 secondi dalla fine in una contro tecnica dell’iberica, marcata come waza ari. La judoka castellana a quel punto incalzava la Suarez che subiva uno yuko e la conseguente immobilizzazione dalla quale si liberava, allora Flavia approfittava per passare in leva al braccio: la spagnola batteva a terra arrendendosi, ma gli arbitri decidevano che la resa era avvenuta appena subito dopo il suono del gong. A nulla valevano le proteste, gli arbitri non cambiavano opinione. Fortunamente la Suarez arrivava nella finale di poule ripescando di conseguenza la Favorini che poteva riprendere la corsa verso il podio. Così Flavia batteva nell’ordine per ippon la britannica Bridges, la spagnola Ramos e la portoghese Barata per sanzione, guadagnando la finale per il bronzo. Nell’ ultimo incontro il suo avversario era l’inglese Steele che doveva cedere alla nostra portacolori subendo due yuko. Per la cronaca l’Italia nell’appuntamento di Fuengirola ha conquistato il secondo posto alle spalle dell’Azerbaijan vincitore di 6 ori, mentre per numero di medaglie l’Italia superava pure la Spagna (che aveva 82 atleti in gara) con un bottino di 4 ori, 5 argenti e 9 bronzi, precedendo altre 18 nazioni. Sabato e domenica prossimi Flavia Favorini e Veronica Farina saranno impegnate nella seconda prova dell’European Cup Cadetti che stavolta si svolgerà in Italia e precisamente al PalaGolfo di Follonica.