3 dicembre 2016

Emergenza migranti, Galantai: “Sospensione di Schengen da evitare ad ogni costo”

Il Dott. Laszlo David Galantai, Addetto agli affari politici all’Ambasciata d’Ungheria in Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

La crisi migratoria è una delle più grandi sfide che l’Europa abbia mai dovuto affrontare. – ha affermato Galantai – A questo problema dobbiamo trovare, non oggi, non domani, ma già ieri, una soluzione permanente, altrimenti si rischia la disfatta del progetto europeo, che sarebbe una tragedia per il nostro continente. L’Ungheria ha sempre sollecitato una soluzione comune europea al fenomeno della migrazione, purtroppo fino ad oggi questo non si è mai verificato, per questo l’Ungheria è stata costretta a varare delle soluzioni unilaterali, che allo stesso tempo si sono sempre rivolte a mantenere i propri impegni e a rispettare le regole comuni europee come il trattato di Schengen e quello di Dublino. L’Ungheria considera Schengen uno dei massimi risultati raggiunti dall’UE. Già durante l’autunno dell’anno scorso il governo ungherese aveva avvertiti che se non ci saremmo impegnati tutti a controllare i confini esterni, inevitabilmente sarebbero tornati i controlli interni. Dobbiamo lavorare tutti insieme per mantenere Schengen intatto, anche perché la disfatta di Schengen avrebbe ripercussioni economiche, politiche e culturali severissime e va preservato ad ogni costo. Ma a questo fine dobbiamo trovare una soluzione per controllare i confini esterni. L’Europa continua ad essere ostaggio di ideologie inadatte a processare la realtà odierna. Il favoreggiamento dell’immigrazione non può essere una risposta sostenibile ai problemi dei milioni di persone in fuga dalla guerra e dalla povertà e neanche al deficit demografico europeo. L’Europa dovrebbe impegnarsi ad aiutare queste persone nella loro patria, altrimenti sarà l’Europa stessa ad affondare”.

Riguardo la rotta balcanica. “La presenza di decine di migliaia di migranti nei paesi balcanici presenta delle sfide in sé che andrebbero ad aumentare in modo significativo se i profughi dovessero intasarsi nei Balcani. – ha spiegato Galantai – È per questo che il governo ungherese ha da sempre sollecitato il controllo efficace dei flussi migratori al di fuori dei confini europei, cioè dalla Grecia e dalla Bulgaria. Se la Grecia è incapace di controllare i propri confini, allora dobbiamo rafforzare le frontiere meridionali della Macedonia e della Bulgaria per evitare lo scenario preoccupante che riguarda la rotta balcanica”.

 

Fonte Radio Cusano Campus