2 dicembre 2016

Calcio – Juniores Regionali, Città di Ciampino, capitan Luciarini: “Possiamo provare l’assalto all’Elite”

Dopo il k.o. nel big match di Grottaferrata, la Juniores regionale del Città di Ciampino è tornata al successo sabato nel match interno contro l’Anzio capolista, una sorta di “antipasto” per quello che sarebbe stata la super-sfida d’Eccellenza del giorno successivo (terminata 1-1). La squadra del debuttante mister Famà ha vinto con un netto 4-1 con le reti di D’Avino, Nigro, Anedda e Terzulli, ma la gara è stata tutt’altro che semplice come conferma anche il capitano ciampinese Stefano Luciarini. «Il primo tempo si è chiuso sull’1-1 e non era scontato portare il match dalla nostra parte, ma siamo stati bravi a cambiare marcia nella ripresa entrando in campo con grande determinazione e forza di volontà. Tra l’altro avevamo ancora vivo il ricordo della sfida d’andata quando perdemmo 5-2 al cospetto di una squadra che non ci era sembrata così forte. Volevamo la vittoria a tutti i costi e l’abbiamo ottenuta». Il Città di Ciampino è attualmente al quarto posto del girone C della categoria, a sette punti dallo stesso Anzio e a quattro dalla Vivace Grottaferrata. «Non amo guardare la classifica e fare tabelle – spiega Luciarini -, quindi non voglio sbandierare obiettivi. Non vorrei sembrare presuntuoso, ma sicuramente questo gruppo ha delle potenzialità importanti e può provare a centrare il passaggio nella categoria d’Elite». Nel prossimo turno, la prima squadra giovanile ciampinese sarà di scena sul campo della Polisportiva De Rossi, compagine sesta della classe che ha appena due punti in meno dei ragazzi dei presidenti Cececotto e Fortuna. Il difensore esterno classe 1997 conclude parlando del suo “sogno nel cassetto”, vale a dire quello di fare l’esordio in prima squadra. «L’anno scorso sono stato convocato qualche volta, senza riuscire ad entrare in campo – sorride Luciarini – Quest’anno la nostra prima squadra è capolista nel girone B di Eccellenza, ha tanti giovani importanti e non sarà semplice, però ovviamente l’ambizione di poter fare questa esperienza esiste».