11 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei Rossoneri nel post match di Milan-Genoa

ADRIANO GALLIANI
“Era da tantissimo che non segnava in campionato Honda. Lo ricordo bene. Bronzetti si spese moltissimo per lui, per farci portare a casa un buonissimo giocatore. Mi sforzavo di dirlo prima, ma è un giocatore importante e super. Dà tantissimo equilibrio. Con lui e Bonaventura siamo equilibrati, molto equilibrati.
Stiamo calmi sui numeri. Stavo pensando ai nostri ex, che ci fanno sempre gol. Dopo Armero, oggi anche Cerci. Nel Napoli c’è Gabriel, ad occhio e croce non dovrebbe farci gol. L’occhio lo abbiamo tutti. Ognuno giudica per quello che vede. Ho analizzato i dati e siamo in buona condizione. Oggi ci sono tante tante tante note positive. Honda ed anche De Sciglio. Oggi gli ho fatto i complimenti e gli ho chiesto perchè non gioca sempre così. Poi il rientro di Menez. Oggi è bicchiere mezzo pieno. Antonelli è stato super, mentre Bacca è veramente un realizzatore. L’avevo seguito negli ultimi due anni. Mi piaceva e mi piace Emery, che considero un ottimo allenatore. Non verrà al Milan comunque. Bacca è un grandissimo giocatore. Ricordo che anche Ancelotti mi parlò di lui. Fosse rimasto Ancelotti a Madrid, Bacca sarebbe probabilmente al Real Madrid. Ha fatto 15 gol e fanno parte del calcio. Che è strano. Abbiamo fatto 14 punti in questo girone di ritorno, rispetto ai 9 dell’andata. Direi bene. Romagnoli è un 95. Se tutto va bene per i prossimi anni sarà titolare. Alex è un campione. Si vede il suo standard. La carriera parla per lui, non è un caso il suo rendimento attuale. 
Dopo 30 anni di Milan ho imparato una cosa. Quando perdi sei convinto che non smettarai mai di perdere, e vincendo viceversa. Questa è una buona squadra. Ora stiamo facendo il nostro. Questa è una squadra che deve lottare per il terzo posto. Non siamo inferiori alle altre che stanno lottando a quest’obiettivo. Ci sono tanti modi per arrivare in Europa. C’è la Champions League da ottenere via campionato, c’è l’Europa League attraverso campionato e Coppa Italia, se battiamo l’Alessandria. Ci sono tante variabili a cui penso per entrare in Europa. La squadra è sempre stata molto coesa. E’ sempre stata con il mister e non si è mai sfaldata, in tutte le situazioni. Questo è un dato molto positivo. Non penso nulla sul Napoli. Siamo contenti di questi 14 punti, potevano essere 18, ma prendiamoci questi 14. Empoli ed Udinese sarebbe potuto essere un filotto. Lottiamo e vediamo cosa fanno Fiorentina ed Inter stasera. Vediamo il loro risultato. Ogni partita assegna i suoi punti. Mi passerò la serata di San Valentino a vedere Fiorentina-Inter e poi mancheranno 13 giornate. Sul mercato tutto confermato. Con Nocerino domani si firma tutto. Da domani Locatelli fa parte della Prima Squadra. Vangioni arriva al 1°Luglio. Mammana è giovane ed è forte. Su Vangioni abbiamo tutti i dati di efficienza fisica, tecnica e mentale. E’ molto forte in fase offensiva e un po’ meno in difesa. In fase di spinta è super. Questi sono i dati a nostra disposizione. Poi può succedere qualsiasi cosa, ma un dirigente deve analizzare quello che ha disposizione. Vangioni ha caratteristiche molto buone e viene a rinforzare il nostro gruppo di difensori di fascia”

MISTER MIHAJLOVIC
“Oggi dovevamo vincere e l’abbiamo fatto. Giocando bene e rischiando quasi niente. Le gare bisogna chiuderle, altrimenti poi si rischia. La squadra si è espressa bene contro una rivale che fa giocare male il suo avversario. E’ una vittoria meritata. Io parlo vedendo il campo. Vedendo le nostre rivali, in questo momento, abbiamo tutto meglio di loro. In tanti fattori. Se continuiamo ad avere queste prestazioni, siamo anche noi in lotta per il terzo posto in Champions, migliorando ulteriormente sottoporta. Di solito non mi preoccupo sull’avversario. Sappiamo che il Napoli, con la Juventus, è la più forte. Hanno un potenziale offensivo pazzesco, con Higuain. Ma anche per loro non sarà facile. Nelle prime sei giornate dell’andata abbiamo fatto 9 punti, adesso 14. Sarà una bella partita e faremo la nostra gara come sempre. Quando sei in una squadra che gioca bene è difficile cambiare. Abate ed Antonelli hanno fatto bene, De Sciglio lo reputo un titolare ed oggi ha colto l’occasione. Questo è lo spirito giusto, ogni volta che si scende in campo bisogna sempre dare il massimo.
Anche post Frosinone l’avevo detto, che se Honda continuava così avrebbe giocato sempre. Honda e Montolivo in passato sono stati criticati, ma hanno dimostrato che con lavoro e sacrificio si possono tramutare i fischi in applausi. Faccio i complimenti ad entrambi.
Io a Napoli me la vado a giocare, come è sempre stato nella mia carriera. Io sono andato verso due-tre giocatori, ma adesso chi non si sacrifica per 94 minuti in campo, non vede più il terreno di gioco.
E’ sicuro che stasera recuperiamo dei punti a Fiorentina ed Inter. Non importa quanti.” 

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Oggi dovevamo vincere e abbiamo vinto, sono soddisfatto. Abbiamo giocato bene e abbiamo rischiato quasi nulla. E’ vero che dovevamo chiudere con il terzo gol perchè poi si soffre e loro lo sanno. Chi non si sacrifica per 90 minuti non mette piede in campo. Honda e Montolivo hanno dimostrato che con voglia e sacrificio i fischi sono diventati applausi. Balotelli ha preso una botta ma è entrato 5 minuti, zoppicava un poco ma è una botta. In questo momento stiamo meglio delle nostre avversarie, di testa e fisicamente, spero che continueremo a fare queste prestazioni. Nel girone d’andata erano 9 e ora sono 14 dopo le stesse partite. Vincendo oggi abbiamo recuperato punti. Sappiamo che andiamo a giocare a Napoli con una squadra che ha il potenziale migliore insieme alla Juventus. Higuain è un grande giocatore ma anche epr il Napoli non sarà facile battere questo Milan. Professionalmente questa vittoria può essere un regalo per il 20 febbraio. I ragazzi vengono da due anni difficili ma ho sempre detto che dobbiamo essere noi a portare la gente allo stadio. Gli attaccanti sono i quattro che sono entrati più Luiz Adriano, quello che stiamo facendo con Mario dovremo farlo anche con Menez. Honda è da un po’ di tempo che sta facendo buone gare, gli mancava il gol. Bisognava tirare oggi, sono molto contento per lui. Niang non era contentissimo uscendo dal campo ma è normale, non si è mai contenti”

RICCARDO MONTOLIVO
“L’atteggiamento della squadra è stato quello giusto, abbiamo controllato tutti i 90 minuti. Anche domenica scorsa, abbiamo trovato due squadre che si sono difese bene, il primo tempo soffriamo di più ma nel secondo troviamo delle combinazioni. Negli ultimi mesi la squadra ha fatto un salto di qualità, l’aspetto mentale sta facendo la differenza. Ora giochiamo con più fiducia ed è merito nostro. Affrontiamo il Napoli, una delle squadre più in forma del campionato ma siamo pronti e possiamo metterli in difficoltà”.

MATTIA DE SCIGLIO
“Diciamo che sto lavorando per dare sempre il massimo e sto lavorando sia in campo, ma soprattutto fuori su ogni dettaglio per essere al massimo quando vengo chiamato in causa. Il mio obiettivo è dare sempre il massimo, in qualsiasi momento, per la squadra.
Mi alleno sempre al meglio, per cercare di farmi trovare pronto. Sono sempre a disposizione cerco sempre di dare il massimo.
Adesso devo continuare su questa strada. Con tranquillità e serenità. Testa libera, facendo quello che so fare. Divertendomi anche sul campo.
Il nostro obiettivo è tornare in Europa. Dobbiamo fare il massimo per tornarci. Pensiamo gara dopo gara a rosicchiare punti a chi ci è davanti. Oggi era fondamentale la vittoria. E’ stata difficile, anche perchè contro il Genoa sono sempre gara complicate.
Euro 2016 è un obiettivo molto bello, ma tutto dipende da come faccio nel Milan. Se faccio bene qui, la Nazionale sarà una conseguenza.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.