5 dicembre 2016

Papa: “Con Kirill incontro tra fratelli”

“Io mi sono sentito davanti a un fratello, e anche lui mi ha detto lo stesso. Due vescovi che parlano della situazione delle loro Chiese, e secondo, sulla situazione del mondo, delle guerre, dell’ortodossia, del prossimo Sinodo panortodosso … Io vi dico, davvero, io sentivo una gioia interiore che era proprio del Signore”.

Il Papa ha ribadito la libertà dell’incontro lodando la capacità dei due traduttori e spiegando che si è trattato di un colloquio a “sei occhi” perché presenti anche il metropolita Hilarion e  il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani. Francesco ha spiegato che si è parlato di un programma di “possibili attività in comune” perché ha detto “l’unità si fa camminando”:

“Una volta io ho detto che se l’unità si fa nello studio, studiando la teologia e il resto, ma verrà il Signore e ancora noi staremo facendo l’unità. L’unità si fa camminando: camminando, che almeno il Signore, quando verrà, di trovi camminando”.

Centrale la dichiarazione congiunta firmata dopo l’incontro il Papa ne ha spiegato il senso:

“Ci saranno tante interpretazioni, eh?: tante. Ma non è una dichiarazione sociologica, è una dichiarazione pastorale, incluso quando si parla del secolarismo e di cose chiare, della manipolazione biogenetica e di tutte queste cose. Ma è ‘pastorale’: due vescovi che si sono incontrati con preoccupazione pastorale. E io sono rimasto felice”.

Ancora una volta con la gioia nel cuore il Papa ha ringraziato i giornalisti preparandosi come lui ha detto ai “23 km di Papa mobile” che lo attendono a Città del Messico. Nel Paese incontrerà e confermerà nella fede tutto il popolo, pregherà anche davanti alla tilda della Madonna di Guadalupe, mentre continua a fare il giro del mondo la notizia del viaggio in Colombia, il prossimo anno, per la firma degli accordi di pace tra governo e ribelli delle Farc. Notizia affidata da Francesco stesso ad un giornalista colombiano, sull’aereo papale,  arrivando a Cuba.

Testo integrale delle parole del Papa sull’aereo

Buonasera. Io credo con la Dichiarazione che voi avete, avete lavoro per tutta la notte e per domani pure, no? Per questo non facciamo domande e risposte. Ma sì dirvi i miei sentimenti. Prima di tutto, il sentimento di accoglienza e di disponibilità del presidente Castro. Io avevo parlato con lui di questo incontro, l’altra volta, ed era disposto a fare tutto e abbiamo visto che ha preparato tutto per questo. E ringraziare per questo. Secondo: con il Patriarca Kirill. E’ stata una conversazione di fratelli. Punti chiari che a tutti e due ci preoccupano: ne abbiamo parlato. Con tutta franchezza. Io mi sono sentito davanti a un fratello, e anche lui mi ha detto lo stesso. Due vescovi che parlano della situazione delle loro Chiese, primo; e, secondo, sulla situazione del mondo, delle guerre, guerre che adesso rischiano di non essere tanto “a pezzi”, ma che coinvolgono tutto. Della situazione dell’ortodossia, del prossimo Sinodo panortodosso … Ma, io vi dico, davvero, io sentivo una gioia interiore che era proprio del Signore. Lui parlava liberamente e anche io parlavo liberamente. Si sentiva la gioia: i traduttori erano bravi, tutti e due. E stato un colloquio “a sei occhi”, no?: il Patriarca Kirill, io, Sua Eminenza il metropolita Hilarion e il cardinale Koch, Sua Eminenza, e i due traduttori. Ma con tutta libertà. Parliamo noi due, gli altri se si faceva qualche domanda. Terzo, si è fatto un programma di possibili attività in comune, perché l’unità si fa camminando. Una volta io ho detto che se l’unità si fa nello studio, studiando la teologia e il resto, ma, verrà il Signore e ancora noi staremo facendo l’unità. L’unità si fa camminando: camminando, che almeno il Signore, quando verrà, ci trovi camminando. Poi abbiamo firmato questa Dichiarazione che voi avete in mano: ci saranno tante interpretazioni, eh?: tante. Ma se c’è qualche dubbio, padre Lombardi potrà dire il vero significato della cosa. Non è una dichiarazione politica, non è una dichiarazione sociologica, è una dichiarazione pastorale, incluso quando si parla del secolarismo e di cose chiare, della manipolazione biogenetica e di tutte queste cose. Ma è ‘pastorale’: di due vescovi che si sono incontrati con preoccupazione pastorale. E io sono rimasto felice. Adesso mi aspettano 23 km di papamobile aperta …

Vi ringrazio tanto per il vostro lavoro: fate quello che potete, eh? Grazie tante, grazie. Grazie.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.