7 dicembre 2016

Calcio – Serie A, la conferenza stampa di Mister Mihajlovic con Riccardo Montolivo e Ignazio Abate

Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Mister Mihajlovic, il capitano Riccardo Montolivo e Ignazio Abate nel corso della conferenza stampa di viglia di Milan-Genoa:

MISTER MIHAJLOVIC
“Il risultato può essere casuale ma la prestazione no, questo ci deve fare rabbia perché non riusciamo a volte a raccogliere quanto creiamo, dobbiamo finirla di sprecare occasioni, non possiamo sempre pensare alla sfortuna, dobbiamo avere più rabbia, essere più cinici sotto porta. Ai ragazzi non posso rimproverare nulla sotto il punto di vista del gioco e dell’impegno, ma se certe partite non le vinciamo è colpa nostra, perché le grandi squadre certe partite riescono a vincerle comunque. Quelle 7 partite, Genoa, Atalanta, Bologna, Verona, Empoli, Carpi, Udinese, 4 in casa e 3 fuori, siamo riusciti a raccogliere solo 5 punti su 21, se ne avessimo raccolti 11 saremmo terzi. Questo deve essere il girone delle nostre rivincite e non dobbiamo farlo diventare il girone dei rimpianti, non sempre la squadra più forte vince, ma potevamo e dovevamo fare meglio, nel girone di ritorno dobbiamo migliorare la classifica. In qualche partita può capitare di non riuscire a vincere, ma in queste 7 ce ne sono alcune che avremmo dovuto vincere per quello che abbiamo dimostrato. Serve più cattiveria, cinismo e rabbia sotto porta, poi a volte c’è anche la sfortuna però ci sono state situazioni dove dovevamo fare meglio. Non possiamo fare un grande filotto di vittorie, ma credo che noi possiamo arrivare più in alto rispetto a diverse squadre che sono davanti a noi in classifica, serve continuità nei risultati, credo che a lungo andare recupereremo punti a chi ci è davanti”.

“È l’ora di tutti i giocatori disponibili, si può essere determinanti anche in uno spezzone di gara, vediamo chi riusciamo a recuperare oggi. Al Genoa mancano 3 giocatori importanti, ma sono una buona squadra, corrono tanto, marcano a tutto campo, sono molto preparati. Hanno messo in difficoltà la Juve, sarà molto difficile, abbiamo tutte le qualità per batterli, se confermiamo le prestazioni e con un po’ più di cattiveria ce la dovremmo fare. Il Milan sta meglio fisicamente, gioca meglio, è più squadra, il Milan ha tutto di più rispetto alle 3 squadre che lo precedono in classifica. Quando tutti staranno bene si potrà giocare anche con il 4-3-1-2, potremo anche cambiare modulo a partita in corso, ci penseremo quando tutti recupereranno la migliore condizione. Quando Menez avrà la condizione giusta, la giusta intensità lo faremo giocare, ora è ancora molto lontano dalla condizione migliore. Quando ci sarà la possibilità di farlo giocare lo faremo, tutti lo vogliamo recuperare, perché ha tanta qualità e può fare la differenza ma solo quando sta bene fisicamente. Il Presidente guida il club da 30 anni, non c’è nessun altro come lui, che ha vinto così tanti trofei nazionali e internazionali. L’anniversario sarà una data importante, per lui e anche per me che sarà il mio compleanno. Vorremmo regalargli un trofeo e portare il Milan in alto dove merita di stare. Non mi interessa di Juve-Napoli, che vinca il migliore. Noi la guarderemo stasera ma non ho una squadra che preferisco. Honda ha un bel piede e in passato ha fatto qualche gol su punizione, dovrebbe migliorare un po’ ma si allena anche per quello”.

RICCARDO MONTOLIVO

Gli stimoli dobbiamo trovarli dentro di noi, non dobbiamo guardare gli avversari, perché ti deconcentri. Pensiamo a noi stessi, facciamo più punti possibili. Le ultime prestazioni sono molto confortanti, dobbiamo continuare così. Credo che a fine mese avremo le idee più chiare, l’obiettivo sarà arrivare a fine mese con meno punti possibili dalle squadre davanti a noi. Fare queste tabelle però ci distrae un po’, dobbiamo guardare sempre al primo ostacolo, alla prima squadra davanti a noi”.

IGNAZIO ABATE

“Ho un problema alla caviglia e oggi valuteremo, chi andrà in campo farà sicuramente una grande partita, siamo concentrati, non dobbiamo più sprecare occasioni importanti, la squadra ha risposto presente nelle ultime partite, continueremo su questa strada. Col Genoa non sono mai state partite facili, non ricordo una partita dominata e stravinta in casa, sono sempre partite tirate. Bisogna stare attenti, in più giochiamo alle 12.30, un orario in cui abbiamo sempre avuto delle difficoltà. Anche fisicamente bisognerà fare una grande partita. Nelle ultime settimane abbiamo dimostrato di essere pronti. Starà a noi e chi scenderà in campo domani lo farà con la bava alla bocca”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.