5 dicembre 2016

Joy, la brillante saga, tutta in un film, della famiglia media americana

 

Il film “Joy” scritto e diretto da David O. Russell (film candidato all’Oscar per la Migliore Attrice Protagonista) comincia in bianco e nero lasciando intuire vezzosamente che si tratta di una citazione: una  fiction nel film, operazione metadiegetica ben riuscita,  dall‘inquadratura grande, al piccolo schermo della sacrosanta “tv”. Versione lampo, imbastardita da venature sudamericane, della ben nota saga “Beautifool”: si parla di uxoricidio  e spunta una pistola.

Parodia forse? Sta di fatto che il “plot” di “Joy” necessita della classica voce narrante che smista i flashback. La voce narrate  è della nonna Mimi (la brava Diane Ladd) che ha il compito di condire la pastasciutta con il sugo condensato della saga di famiglia. Joy (la straordinaria Jennifer Lawrence ) è bambina, poi diventa donna, ha un lavoro mediocre e, guarda un po’, un ex marito Toni (Edgar Ramirez) nel seminterrato, il padre Rudy Mangano (un Robert De Niro in grande spolvero) che ritorna a casa  dopo tanti anni, ma non è Ulisse, la madre di Joy, Terry (Virginia Madsen) non è Penelope, ma un’allettata belloccia signora, parcheggiata “h 24”, da fobie e fallimenti, davanti al totem televisivo.

Joy diviene perciò la capostipite  del suo regno a “due piani”: Toni  dividerà il seminterrato con Rudy, Terry e la figlia  di Joy al piano di sopra ( manca il lettino e poi il “setting freudiano” è fatto!). Joy  partecipa di malavoglia al lavoro nella fabbrica di famiglia, vuole cambiare, ha rinuciato al college per sostenere psicologicamente e materialmente i suoi genitori all’epoca del  loro divorzio . Un sogno illumina il  futuro della protagonista: lei da bambina che costruisce  una casa di carta, inventando. (Joy prende iniziative importanti quasi  sempre dopo un sogno  o un incubo) Evviva una donna inventrice! Retaggio, solitamente, degli uomini. Così, usando i pastelli di sua figlia, disegna un prototipo da lanciare sul mercato : il “mocio” perfetto, funzionale e semplice, fatto e cucito con le sue manine. C’è da sorridere? No è una cosa seria! Il riscatto passa attraverso il “ trending topic” della casalinga: sudore olio di gomito e anonimato, altro che alta finanza.

Evento trasformativo: il detenuto diventa un esperto del recupero penitenziario e grazie a ciò acquista la libertà. Voilà. Il “self-made woman” è servito, sogno americano, riscossa della donna qualunque. Ora sa cosa fare da grande, ma ha bisogno di soldi e chiede aiuto al padre  e soprattutto alla nuova  fidanzata di papà Trudy (sempre divina Isabella Rossellini. Se pensiamo che lei è l’icona di “Blue Velvet” vengono un po’ i brividi) che ha ereditato un piccolo  patrimonio dal defunto marito. La Trudy in veste di veggente predice alla neofita Joy che la  carriera è dura e tosta e arriverà il giorno in cui dovrà essere spietata. In effetti Joy non è una donna d’affari, lo dice  anche la sorellastra Peggy (Elisabeth Rohm). Quand’ecco che compare dal nulla o quasi il pigmalione Neil Walker (fascinoso Bradley Cooper), il quale, bypassando i suoi sentimenti più o meno consapevoli per la bella, lancia in diretta tv, la sconosciuta Joy, andando contro le regole  delle televendite (ah se pensiamo a chi ha cominciato con le televendite…)

Yes! La sconosciuta sfonda il tetto dello share! E diventa una vera donna d’affari, con migliaia di ordini del prodotto. Seduta in poltrona nel suo studio, sembra la governatrice di uno stato, a suo agio, nella sua seconda vita, le luci sono sempre calde, come i colori, nella bella fotografia (Linus Sandgren).

Joy “paternalistica” con i suoi dipendenti in difficoltà economica, promette futuro certo: un po’ padroncina, come nelle saghe delle proprietarie terriere, ma che non si pensi troppo alla Rossella del “domani è un altro giorno”. Alla “self-made girl”, gli ostacoli non mancano e i cattivi squali le stanno addosso: vorrebbero alzare il prezzo del divino “mocio”, ma lei, tutta d’un pezzo, si rifiuta. La concorrenza sleale è alle porte. La famiglia si riunisce con i suoi “te lo avevo detto”, “mi dispiace”. E’ fallimento? E’ crack? Forse. C’è ancora tempo. Dopo la  notte in motel, Joy si sveglia e indossa il  vestito invisibile di  “super girl”.

Taglio dei  capelli, occhiali da sole, andatura un po’ da gangester, mitica Calamity Jane. Mezzogiorno di fuoco. Si dovrà  mettere in gioco da vera affarista come aveva predetto la Rossellini- Trudy. Il suo rivale in affari è un tycoon mitigato, cappellone ”lynciano”- depotenziato alla meno due (forse omaggio all’indimenticabile “Molholland Driver “ di Lynch).Azione! La requisitoria di Joy va sugli stacchi in piano americano. La madre di famiglia ottiene il suo riscatto? La musica  pizzica la corda elettrica, sul bel viso rubicondo, i movimenti di macchina seguono la protagonista, paternamente, come a dire “non sei sola”. E nevica, sul viso di  Joy. Nella vetrina del negozio corre sui binari un trenino giocattolo (sembra essere di moda in questo periodo). Via al  flashback analettico: Joy vede la sua famiglia felice (anche questo sembra essere di moda). La voce narrante dice “ Lei non sapeva…”e sancisce l’imprevedibilità degli eventi. Fino a un certo punto, perché la Joy sa che può determinare il proprio destino.

Un film ben girato. Stuzzicante. Interpreti in grandissima sintonia e forma. Originale. Da vedere! Da gustare.

(tutti i diritti sono riservati)

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 60 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.