22 febbraio 2017

Emergenza migranti, Aurelio Juri: “Senza una gestione seria del problema migratorio, si rischia una nuova guerra”

Aurelio Juri, politico sloveno di nazionalità italiana, ex parlamentare europeo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”; condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Il problema migratorio sta creando un Europa peggiore non migliore –ha affermato Juri-. Gli equilibri politici nazionali nei Paesi balcanici non si sono risolti del tutto, quindi basta poco in quest’area per far riaccendere il fuoco nazionalista. Sull’esempio che il Presidente ungherese Orban ha dato a tutta l’Europa dell’Est, i Paesi della rotta balcanica stanno diventando di destra. Per loro l’Europa è qualcosa dalla quale solo prendere, senza dare nulla. Ricordo che dalla primavera ad oggi oltre 400mila profughi hanno attraversato la Slovenia. E’ un problema grave, che se non viene gestito bene, rischia di scatenare un nuovo conflitto balcanico. Bisogna intervenire in tempo, già ai confini della Grecia e della Turchia. Un problema umanitario si sta trasformando in un grave problema politico. I profughi rischiano di arrivare in un’Europa peggiore del Paese che hanno lasciato. Stanno arrivando così velocemente e in tanti, che l’Europa non riuscirà più ad accoglierli. Quando dodici anni fa l’Unione Europea ha accolto dieci nuovi membri ha sbagliato, ha preso molti Paesi tra cui la Slovenia che non meritavano di entrare in questa comunità, perché non avevano ancora chiari i valori da rispettare. E’ quello che sta avvenendo con i Paesi dell’Est che rifiutano la ridistribuzione dei migranti. E’ stato un passo affrettato che oggi stiamo pagando”.

Fonte: Radio Cusano Campus