9 dicembre 2016

Roma – Rampelli, FDI: ” Città ingovernabile, i candidati dovrebbero andare da Renzi e chiedere poteri speciali”

Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Non c’è un’ufficializzazione della candidatura di Marxini (Marchini, ndr) a sindaco di Roma da parte di un partito o di una coalizione –ha affermato Rampelli-. Ci sono delle fughe in avanti fatte da alcuni responsabili di questi partiti a livello locale. La candidatura di questo noto imprenditore che rappresenta un’altrettanto nota famiglia comunista della capitale d’Italia, nasce nel Nuovo Centro Destra, cioè in quella schiera che ha sostenuto prima Monti, poi Letta e poi Renzi. Quindi c’è qualche piccolo problema perché noi Fratelli d’Italia siamo nati come alternativa alla sinistra. La nostra natura è di essere limpidi, non siamo nati da una scissione parlamentare come altri partiti. Se poi ci sono altri partiti che non sono limpidi non ci possiamo fare niente. Noi siamo il primo partito della coalizione di centrodestra a Roma. Le amministrative sono un test politico anche a livello nazionale, quindi dobbiamo sconfiggere il centrosinistra, ma senza farci imporre nomi da qualcuno. Nelle ultimi elezioni regionali il centrodestra non ha trovato una quadra, ad esempio in Toscana dove Forza Italia aveva candidato un verdiniano e ora il gruppo di Verdini sostiene il governo. Nelle Marche Forza Italia ha deciso di sostenere il governatore uscente che era del Pd. Noi assieme alla Lega abbiamo deciso di non avallare queste scelte di trasformismo. E nelle Marche siamo stati premiati noi, che siamo arrivati davanti a Forza Italia. La gente non gradisce i trasformismi”.

“Non è una novità che circoli il mio nome –ha affermato Rampelli-. Fdi è innamorata del gioco di squadra, quindi non c’è un problema nominalistico. Siamo tutti al servizio in questo caso di Roma e dei nostri valori di riferimento, quelli del centrodestra. Le scelte dei sindaci peggiori che abbiamo avuto a Roma, sono state quelle dettate dall’appetibilità del nome o dell’estetica che si nascondeva dietro un nome. Non è così che si può governare una città ingovernabile. E tutti i candidati sindaci quando saranno ufficializzati dovrebbero comporre una delegazione per andare dal Presidente del Consiglio e dare a Roma quei poteri speciali di cui la capitale ha bisogno per essere governata. E’ capitale d’Italia e internazionale, eppure ha gli stessi poteri di un comune di 5mila abitanti, ecco perché Roma è al collasso. Non siamo nella fase di Alleanza Nazionale che arrivò al 33% a Roma nelle provinciali del 1998 –ha affermato Rampelli-. Siamo in una fase dove, per responsabilità varie, la destra è stata frammentata, indebolita. Stiamo cercando di ricostruirla. Le cose stanno andando bene, soprattutto a Roma, dove FDI è già al 10% e la percentuale è destinata a crescere. Credo che il primo partito della coalizione a Roma debba suggerire agli alleati un atteggiamento rispettoso, non si può mettere in discussione l’unità della coalizione stessa. Ci stiamo battendo per questo. Storace non sbaglia, ma a mio avviso il percorso per arrivare a ricostruire una destra vera non è ancora arrivato a compimento, forse è per questo che c’è ancora qualche titubanza da parte degli alleati, che spero saranno superate. Primarie? Siamo disponibili a farle, ma non solo a Roma, in tutta Italia”.

Fonte: Radio Cusano Campus