7 dicembre 2016

Pallavolo – Ssd Colonna, Olivetti sprona l’Under 16: “Crescita evidente, ma serve più autostima”

L’Under 16 femminile di volley della Ssd Colonna sta per chiudere la sua prima parte di stagione ufficiale. Le ragazze di coach Mimmo Olivetti hanno quasi concluso il campionato di categoria, poi con lo stesso gruppo si dedicheranno ai “nuovi” tornei di Terza Divisione Under 16 e Terza Divisione Under 18. «Le ragazze hanno evidenziato dei buoni progressi – spiega Olivetti -, ma è evidente che c’è ancora tanto da lavorare. In particolare il gruppo deve crescere in autostima perché le potenzialità ci sono, ma le ragazze spesso non sono convinte di loro stesse. Su questo tipo di “difetto” è meno facile lavorare, ma sul lungo termine siamo certi di poter vedere dei cambiamenti che tra l’altro alcune atlete hanno già evidenziato. A livello tecnico, inoltre, ci dev’essere una crescita individuale di ogni giocatrice». Nell’ultimo turno la squadra ha battuto con un netto 3-0 il Segni. «Una gara senza mai storia in cui il livello dell’avversario non era testante» spiega Olivetti che ripensa invece a quella di tre settimane fa contro il Labico primo in classifica. «Abbiamo perso 3-1, ma è stata una sfida molto tirata in tutti i parziali. E devo dire di essere stato comunque contento della prestazione delle ragazze: hanno provato ad “osare” una giocata meno elementare e per questo, magari, sono state penalizzate nel punteggio. Ma è così che si cresce a mio parere». Dopo la gara di stasera a Zagarolo, le ragazze del presidente Giancarlo Urgolo concluderanno il campionato affrontando sabato 20 febbraio l’Olevano in casa e mercoledì 24 febbraio il Colleferro in campo avverso. «Poi inizieremo la seconda parte di stagione con questa esperienza nei due campionati di Terza Divisione. Mi auguro, anzi sono certo di trovare soprattutto nel torneo Under 18 un livello di avversari probabilmente fuori portata per le nostre ragazze. Ma il nostro gruppo – conclude Olivetti – ha bisogno di giocare tante partite e magari di “prendere schiaffi” che potranno essere formativi».