7 dicembre 2016

Appio – 13 minuti per rapinare un “Compro Oro”, arrestato uno dei rapinatori

 

E’ durata circa 13 minuti la rapina nei confronti del titolare di un compro oro in zona Appio. Uno dei  tre rapinatori C.S, 49enne romano, per qualche giorno si era presentato nel negozio, per studiare il terreno dove avrebbe commesso la sua prossima rapina.

Il piano del malvivente è stato messo in atto pochi giorni fa.

Uno dei complici è rimasto in auto mentre un secondo uomo è entrato nella gioielleria ed ha iniziato a parlare con il titolare chiedendo di vedere alcuni oggetti esposti nelle vetrine esterne. All’atto di rientrare in negozio, è sopraggiunto il C.S. che, conosciuto quale cliente abituale, è entrato insieme agli altri due.

Una volta che il due criminali si sono trovati insieme, con un gesto tanto improvviso quanto violento, hanno spinto il titolare verso il retrobottega. Uno dei due ha estratto una pistola, mentre l’altro ha tirato fuori un paio di manette con le quali ha cercato di bloccare il gioielliere.

A causa della reazione del commerciante l’azione è riuscita solo in parte ed i due rapinatori hanno iniziato a colpirlo con calci e pugni.

Credendo di aver comunque vinto la resistenza dell’uomo, uno dei due ha iniziato a mettere il contenuto delle vetrine in alcuni sacchi e poi, accortosi che il complice non riusciva a trattenere la vittima, ha sbloccato la porta di ingresso e si è dato alla fuga, seguito solo in un secondo momento dall’altro rapinatore.

Grazie alle immagini di videosorveglianza di cui è dotata la gioielleria, gli investigatori della Polizia di Stato sono riusciti ad identificare C.S. e ad individuare l’auto con cui i rapinatori sono fuggiti.

Dopo alcuni giorni di appostamenti, gli agenti del commissariato San Giovanni, agli ordini del dr. Massimo Improta, hanno trovato prima la macchina, risultata essere rubata qualche giorno e poi hanno rintracciato anche uno dei rapinatori.

Durante le perquisizioni sono stati sequestrati tutti gli abiti indossati dal reo durante l’azione criminale.

Grazie agli elementi raccolti l’uomo è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria ed al termine delle operazioni è stato accompagnato presso il carcere di Regina Coeli.

La misura è stata convalidata dal G.I.P. su richiesta del Dottor Paolo Auriemma, Sostituto Procuratore titolare delle indagini.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.