4 dicembre 2016

Stepchild Adoption, l’associazione nazionale ANDDOS attacca Beppe Grillo

Dopo le dichiarazioni di Beppe Grillo,  che nella giornata di sabato avevano aperto alla libertà di coscienza per senatori M5S sulla stepchild adoption, arrivano sia le reazioni delle associazioni LGBTI come quella dell’Associazione Nazionale ANDDOS (il più grande movimento italiano con oltre 160.000 associati) e sia le prese di posizione dei senatori del M5S. Sono già in 28 su 35 ad aver aderito alla campagna interna #iovotosi, partita dalla pagina del coordinamento diritti civili del M5S, ma il numero è destinato a salire fin quasi ad isolare l’unica posizione contraria espressa fino ad ora con chiarezza, quella del senatore Stefano Puglia. Beppe Grillo ha fatto probabilmente una scelta da politico, volendo sostanzialmente creare un problema al premier Renzi.

“Quelle sui diritti sono leggi importanti, non si possono fare giochi politici” sottolinea l’ANDDOS.

La libertà di coscienza, quindi, intesa come confronto costruttivo tra i parlamentari, ma non come strategia politica contro la maggioranza a discapito dei diritti.

“Restiamo perplessi e delusi delle ultime dichiarazioni sulla necessità di lasciare libertà di coscienza ai Senatori sulla stepchild adoption anche da parte di Beppe Grillo – sostiene il presidente nazionale Mario Marco Canale di ANDDOS – lo abbiamo detto in precedenza e lo ribadiamo: la libertà di coscienza su temi che riguardano i diritti umani, come in questo caso quello dei bambini a veder riconosciute legalmente entrambe le figure genitoriali, è una grave mancanza di responsabilità politica. Il dibattito sui cosiddetti temi etici è certamente necessario nell’ambito del confronto politico, tuttavia nel momento di legiferare bisogna considerare i soggetti ai quali si riconoscono o si negano diritti, pena lo sconfinamento della libertà del singolo nella limitazione di quella altrui in base alle proprie convinzioni. Si abbia quindi il coraggio di prendere posizioni nette: che le persone omosessuali possano educare e ci siano minori che necessitino di tutele è un fatto ormai evidente, che si tocca con mano. E’ assurdo pertanto perpetrare questo limbo giuridico di genitori e famiglie. Ed è ancora più assurdo continuare a discutere su un punto così elementare mettendo in discussione una legge attesa da decine di migliaia di coppie, con e senza figli, molte delle quali rischiano di non vedere le tutele per motivi anagrafici, tutele che impattano nella concretezza della vita affettiva come anche materiale ed economica. Va inoltre sottolineato che questa legge, che rimane una soluzione già parziale rispetto all’estensione del matrimonio civile, è attesa anche da tutte quelle persone single per le quali la semplice possibilità di vedersi riconosciuti gli stessi diritti rappresenta una potentissima arma contro lo stigma sociale e l’alone di negatività che ancora affliggono le persone LGBTI nella vita quotidiana”.

Marco Tosarello