8 dicembre 2016

Il ritorno del Re

Neanche quattro giorni di test su una moto del 2015, con gomme viste mezza volta in sella ad una moto diversa, con un telaio sviluppato per un altro tipo di pneumatico e cosa fà Casey Stoner? Emoziona!

Gli appassionati di motociclismo, quello vero, si sono emozionati nel vedere di nuovo in azione chi ha rinunciato ad un contratto faraonico e ad altri titoli mondiali perché quell’ambiente non gli piaceva (quanto aveva ragione…..). Ai motociclisti, quelli veri, i numeri ed i marchi importano relativamente. A loro importano le emozioni che solo una due ruote è in grado di regalare; se a guidarle, poi, c’è un marziano, colui che più ha vinto quando ha gareggiato, le emozioni si triplicano.

Quasi tutto il mondo ha salutato calorosamente il ritorno del Re Casey. E’ incredibile la gioia che ha regalato a quasi tutti un ragazzo che non ha fatto altro che cimentarsi, con successo, ad essere il migliore tra i cordoli. Lo ha fatto, però, senza interpretare ruoli circensi o utilizzare un linguaggio da finti fighetti amanti così tanto degli attributi da utilizzarli anche al bar per chiedere un semplice caffè. Immaginate la scena: “Casso, figa, un caffè, dai…..Eccolo, gradisce anche un biscotto?”.

Ho detto quasi tutti….Tra i non tutti c’è una parte nostrana legata ad un certo, il solito, entourage che proprio non riesce a digerire il ritorno del Canguro Mannaro. Non lo digerisce al punto che torna a rimettere in moto quella macchina dell’odio che è riuscita, in passato, a pontificare che nel telaio in traliccio della Ducati c’era benzina. Le perle odierne di questa odiosa macchina sono che Stoner non avrà nessuna utilità nello sviluppare la moto oppure sarà un elemento di disturbo per i piloti ufficiali. Infatti non è necessario portare la moto al limite per trovare i suoi punti deboli e soprattutto un ufficiale non deve dimostrare di meritare la moto.

Oggi, però, queste perle sintetiche, degne di un mercato di cianfrusaglie cinesi usate, non hanno più la forza di scalfire la credibilità e la classe di Stoner. Testimoniano, anzi, che il Canguro Mannaro è ancora il migliore. Dopo quattro anni ritorna in pista (a detta dei perlari nella MotoGp più competitiva di sempre, su una moto che non vince da…..) e emoziona. Grazie Casey!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.