10 dicembre 2016

Fabio Canino: “Adinolfi quando votata Renzi parlava di stepchild adoption, ora fa la soubrette politica dell’odio”

Il conduttore radiofonico, personaggio televisivo nonché scrittore Fabio Canino è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format LINGUE A SONAGLI condotto dal cantautore Bussoletti in onda ogni sabato alle 14.

Ha parlato del suo nuovo libro “Rainbow Republic”, edito da Mondadori, ma anche di Mario Adinolfi e dei numeri del Family Day.

FABIO CANINO: “ADINOLFI S’E’ DIMENTICATO CHE, QUANDO VOTAVA RENZI, LUI GIA’ PARLAVA DI STEPCHILD ADOPTION. POI NON GLI HANNO DATO UN POSTO NEL GOVERNO ED ORA FA LA SOUBRETTE POLITICA DELL’ODIO”. E CONTRAPPONE L’AMORE UGUALE PER TUTTI DEL SUO LIBRO

Sulle posizioni di Mario Adinofi: “Lo farei sparire da queste discussioni del Family Day perché credo che abbia grandi problemi. Non si ricorda che, quando votava Renzi, Renzi già parlava di stepchild adoption e lui era d’accordo. Evidentemente non gli hanno un posto nel governo e allora ha iniziato a chiedersi cosa fare per diventare una soubrette politica. S’è risposto che poteva odiare e, in particolare, che poteva odiare gli omosessuali ma chi fa una carriera sull’odio ha dei grossi problemi. Non a caso nel mio libro “Rainbow Republic” spiego proprio che l’amore è uguale per tutti”.

Sui numeri del Family Day: “I numeri delle manifestazioni non sono mai quelli dichiarati ma sul Family Day, in particolare, c’è da fare un conto semplice. I cittadini di Roma città sono due milioni. Due milioni sono il totale di Umbria, Val d’Aosta, Molise e Abruzzo messe insieme: quattro regioni. Il Circo Massimo, quando è completamente vuoto e non come in quel caso in cui c’erano dei lavori, i bagni chimici ed il palco, al massimo tiene 200mila persone. Come puoi dire che erano un milione?”

Sulla necessità di coming out dei personaggi pubblici: “In Italia passa tutto dalla celebrità. Sai quanto potrebbe fare uno sportivo, un calciatore, dichiarando la sua omosessualità? Faresti qualcosa per chi non ha avuto la tua stessa fortuna. Perché se un padre, tifoso di una squadra di calcio e tifoso di un calciatore, scopre che quel calciatore, nonostante sia gay, sia un grande campione che fa gol e lo ammira, se il figlio fosse omosessuale, lo accetterebbe più facilmente”.

E se si deportasse Salvini nella “Raibow Republic”?: “Scapperebbero tuti. Pensa anche nella Rainbow Republic ci sono i Rosa, un partito di estremisti gay che, in modo talebano, non vogliono etero nel loro paese. Ho voluto crearli per far capire quanto c’è del ridicolo in alcune posizioni della Lega”.

Fonte: Radio Cusano Campus