3 dicembre 2016

Calcio – Serie A, al Bentegodi pareggio tra Verona e Inter

Finisce con un pareggio che forse non serve a nessuna delle due la sfida al Bentegodi tra Hellas Verona e Inter. Grandi emozioni e tanti gol per i tifosi presenti allo stadio e i telespettatori, ma anche tanti errori in fase difensiva che non saranno certamente piaciuti a Delneri e Mancini. In classifica l’Inter resta nella scia della Fiorentina, ma perde una grande opportunità per scavalcarla, mentre l’Hellas si muove di un passetto che incide poco sulla sua rincorsa alla salvezza.

Hellas in campo con la coppia di attaccanti pesanti, Pazzini-Toni, Inter con lo stesso tridente del turno infrasettimanale, Eder-Icardi-Palacio. I nerazzurri partono forte e dopo pochi minuti Palacio calcia a botta sicura da pochi passi, ma prende in pieno il portiere disteso in tuffo. All’8′ la formazione di Mancini passa in vantaggio con un colpo di testa di Murillo su angolo. Pare un monologo, ma la reazione dei padroni di casa arriva subito, con due gol di testa su altrettanti calci da fermo. Il pareggio lo firma al 13′ Helander, dopo 3′ il vantaggio ad opera di Pisano, con i difensori davanti ad Handanovic non esenti da colpe. L’Inter non ci sta e torna a premere alla ricerca del pari, con una gran girata di Brozovic dal limite che esce di poco e i tentativi di Eder e Icardi. Al 12′ della ripresa altro gol di testa dell’Hellas, segnato da Ionita che svetta su tutti, sempre su calcio da fermo. I nerazzurri hanno il merito di tenere aperta la partita con Icardi che accorcia subito le distanze su traversone di Perisic dalla sinistra e con la forza della disperazione (dentro contemporaneamente Icardi, Palacio, Eder, Perisic) agguantano il pareggio al 33. Nell’occasione il traversone arriva dalla fascia destra e a concludere arriva Perisic sul secondo palo dopo liscio di Icardi a centro area. Le squadre si allungano alla ricerca della vittoria ed arrivano occasioni per entrambe. L’Hellas colpisce il palo esterno con Gilberto e sfiora il quarto gol con un pallonetto dal limite di Romulo, l’Inter con un colpo di testa di Icardi fuori sul secondo palo.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.