9 dicembre 2016

Roma – Malagrotta, Maltese: “L’assessore all’ambiente della regione mi ha rassicurata: il gassificatore non sarà riacceso”

I cittadini di Valle Galeria da qualche giorno sono in fermento sui social network, preoccupati dalle dichiarazioni di Manlio Cerroni che ha annunciato di riaccendere il gassificatore di Malagrotta a Roma. Sul tema è intervenuta Cristina Maltese, Presidente del 12° Municipio di Roma, ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).. “Sono reduce da una riunione con l’assessore all’ambiente alla Regione Lazio che mi ha rassicurata sul fatto che il gassificatore non sarà riacceso –ha affermato Maltese-. Abbiamo definitivamente chiuso l’era della discarica di Malagrotta e l’indirizzo del Comune di Roma è quello di non riaccendere gli impianti. Abbiamo già dato e non si torna indietro. Roma dal 2013 è impegnata nel piano di aumento della differenziata, Ama ha fornito dei dati che davano un aumento della raccolta differenziata tendente al 65% che era l’obiettivo iniziale. Ciò rende inutile riaccendere il gassificatore. Il governo aveva i dati aggiornati al 2014, ma nel 2015 il Lazio, grazie alla politica dei rifiuti ha incrementato moltissimo la raccolta, questi dati ora vanno riaggiornati al governo. Ho avuto rassicurazioni da questo punto di vista da parte dell’Assessore all’ambiente alla regione. Gli ho chiesto di dirlo apertamente, anche per tranquillizzare i cittadini. Però c’è un’altra questione che è quella della bonifica. E’ vero che la discarica è chiusa, ma bisognava bonificare già da tempo col piano Magda, che però non ha prodotto un pezzo di carta. Ho fatto presente all’assessore anche questo, bisogna lavorare per il recupero della Valle Galeria”.

Sul tema è intervenuto anche l’On. Stefano Vignaroli, deputato del Movimento 5 Stelle e vice presidente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.

“Malagrotta  -ha spiegato Vignaroli a Radio Cusano Campus- è stata chiusa per non andare incontro ad una procedura d’infrazione. Ma gli impianti di pretrattamento dei rifiuti e l’inceneritore hanno continuato a funzionare. C’è un’autorizzazione vecchia per l’inceneritore, che già all’epoca contestammo. Dalle carte è palesemente chiaro come l’inceneritore sia una scatola vuota, che non ha mai funzionato. Il sodalizio tra i partiti e Cerroni è palese. Le stesse persone che hanno autorizzato questo impianto, adesso in campagna elettorale fanno i paladini dei cittadini. Adesso con la Commissione cerchiamo di ricostruire un quadro della situazione. E’ la Regione la vera responsabile. Zingaretti sta facendo il pesce in barile. Ora è tutelato dal decreto sblocca Italia che lo deresponsabilizza, ma lui già aveva autorizzato quell’impianto. Zingaretti non si è opposto allo sblocca Italia. Abbiamo chiesto delle spiegazioni alla regione riguardo la bonifica di Malagrotta che ancora continua ad inquinare le falde. La Regione doveva chiedere delle garanzie mettere da parte soldi per la bonifica. Abbiamo chiesto questi atti minacciando di mandare la finanza, solo allora ci hanno mandato documenti che stiamo verificando. L’alternativa per i rifiuti di Roma è l’aumento della raccolta differenziata e la predisposizione di nuovi impianti, ma non come quello di Malagrotta. Ho chiesto al Prefetto Gabrielli di fare una nuova interdittiva nei confronti del monopolista Cerroni che continua a ricevere favori dal governo e dalla regione. Il Comune ha provato un po’ a staccarsi da questo monopolio, infatti ha fatto la fine che ha fatto…”.

Fonte: Radio Cusano Campus