6 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Allegri: “Nessun calcolo: domani dobbiamo vincere”

Le prime parole di Mister Allegri, in conferenza stampa pre Frosinone-Juve, sono per Martin Caceres:  «Prima di tutto un grosso in bocca al lupo a lui, per noi è una grave perdita ma ieri l’intervento è andato per il meglio».

Dopodichè, il Mister focalizza la sua attenzione completamente sulla trasferta in Ciociaria: «Domani sono in palio tre punti fondamentali, esattamente come saranno in palio il sabato successivo e nelle partite che ci separano dalla fine del torneo. Occorre restare concentrati al massimo e portare a casa la vittoria, per mettere un’altra partita alle spalle e proseguire il cammino, dato che il Napoli continua ad andare fortissimo». Attenzione, quindi, al Frosinone: «All’andata ci hanno segnato il gol del pareggio su calcio piazzato e, numeri alla mano, questa è una delle loro armi».

Inevitabile una considerazione sulle due prime della classe: «Quindici giornate fa sia noi che loro eravamo molto indietro: questo fa capire quanto può cambiare in questo lasso di tempo, e quanto può ancora cambiare da qui a fine stagione. Possono rientrare in tanti, la lotta è aperta. Contemporaneamente, vincere da qui a fine campionato diventa sempre più difficile, perché ogni partita pesa».

Vittorie difficili, come quella con il Genoa mercoledì scorso: «Sono quelle che si chiamano partite “sporche”: nell’arco di una stagione ne capitano, era successo anche lo scorso anno. Non si può vincere sempre in goleada o con un gran gioco, capita anche di dover portare a casa partite dure: il Genoa ha giocato a uomo a tutto campo, e poi dopo tanto entusiasmo ci ha fatto bene la partita di mercoledì, ci ha rimesso con i piedi per terra. I ragazzi sono stati bravi a vincere».

Situazione squadra: detto di Martin, Allegri conferma di avere «Qualche dubbio se fare giocare o meno Bonucci, ha disputato molte partite. Al suo posto da centrale può giocare Rugani, che si trova più a suo agio al centro rispetto alla zona laterale». E poi ancora: «Non terrò conto delle diffide: in attacco, mancando Zaza, ho scelte obbligate, Dybala ha recuperato dopo mercoledì con sedute più leggere».

Aggiunge Allegri: «Pereyra non partirà dall’inizio ma è un’ottima soluzione a partita in corso. Lemina recupera, ha giocato l’amichevole in settimana, Asamoah rientra in settimana, e probabilmente anche Khedira. Mandzukic difficilmente invece ce la farà per il Napoli, Evra non partirà per Frosinone perché dopo il virus influenzale di mercoledì è stato fermo due giorni. Chiellini invece è regolarmente convocato».

La condizione, tiene a ribadire il Mister, è «Fondamentale. Da adesso alla fine viene il difficile, proprio perché fisiologicamente la freschezza fisica rischia di calare. Ecco perché essere in buona forma è importante».

Infine, meglio avere la miglior difesa o il miglior attacco? «Statisticamente, vince la miglior difesa. Ma il Napoli è primo con il miglior attacco: il campionato è ancora lungo…»

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.