10 dicembre 2016

Roma – Operazione “Richard Gere”, casa-vacanze fantasma, fermato un truffatore seriale che si spacciava per l’attore

Dopo mesi di indagini, è stato denunciato dagli agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma un truffatore seriale che per due anni ha ingannato decine di vittime promettendo in locazione case vacanza in diverse località turistiche italiane, sostituendosi a persone realmente esistenti.

L’operazione è stata avviata a seguito di varie denunce sporte in tutta Italia da numerosi cittadini, per sostituzione di persona o per patita truffa relativa a falsi affitti.

L’impostore, dopo aver carpito i nominativi di terzi facendosi inviare fotocopie di documenti e curricula vitae a fronte dell’offerta di un posto di lavoro, “clonava” patenti e carte d’identità apponendovi una fotografia di “Richard Gere”, che utilizzava per aprire conti correnti a nome altrui e attivare utenze telefoniche, utilizzate per farsi contattare dagli ignari turisti. Una volta intascata la caparra, spariva nel nulla.

Il finto Richard Gere è stato denunciato per sostituzione di persona, truffa aggravata, contraffazione di documenti di identità e falso documentale.

Durante la perquisizione locale, gli operatori hanno rinvenuto una vera e propria tipografia casalinga. Con una sofisticata stampante a sublimazione, l’uomo fabbricava i falsi documenti d’identità, quali patenti, tessere sanitarie e carte d’identità, che utilizzava per perpetrare i raggiri.

Ammonta a circa 100.000 euro il totale delle somme indebitamente carpite in due anni dal truffatore.

Per evitare le truffe relative ai falsi affitti, la Polizia Postale consiglia una serie di accorgimenti:

  • Diffidare dei prezzi troppo bassi.
  • Fare attenzione al sito internet su cui è pubblicato l’annuncio: è consigliabile acquistare su negozi online già noti al pubblico, perché offrono sia una garanzia sul pagamento, nonché assistenza.
  • Una volta che si è in contatto con l’offerente, verificarne le generalità. Chiedere una fotocopia del documento, un contatto telefonico fisso, e la partita IVA. I dati fiscali, infatti, sono facilmente verificabili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
  • Controllare i feedback su internet. In alcuni casi si trovano i commenti dei malcapitati che denunciano l’illegalità di un annuncio.
  • Appurare che non ci siano on line annunci di locazione di altre strutture abbinati alle stesse foto.
  • Verificare che la struttura esista controllando l’indirizzo sulle mappe del luogo. Inoltre è opportuno chiedere al rivenditore il nome di alcuni ristoranti o negozi presenti nella zona, così da poter controllare la veridicità delle informazioni fornite. È consigliabile chiedere anche numerose foto dello stabile facendo particolare attenzione ai dettagli.
  • Al momento del pagamento è preferibile utilizzare un conto Paypal, o comunque una carta di credito.
  • Non divulgare i dati personali come copie di documenti di identità, Pin, estremi delle carte di pagamento, etc.
  • Diffidare delle e-mail in cui vengono mostrate offerte “urgenti” cui aderire cliccando su un link specifico. In questo modo riescono a impadronirsi dei dati personali (phishing).

 

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it