7 dicembre 2016

Arti Marziali – Asd Judo Energon Esco Frascati, il “frascatano” Mascetti di bronzo a Sofia

L’Asd Judo Energon Esco Frascati lo seguirà sempre con grande affetto e attenzione. Alessio Mascetti, “prodotto” della scuola del club tuscolano, ha ottenuto un altro importante sigillo internazionale. Dopo essersi confermato poco tempo fa campione italiano nella categoria dei pesi massimi (+100 kg), l’atleta romano ha ottenuto un’ottima medaglia di bronzo nell’European Open di Sofia (in Bulgaria), prima competizione internazionale del 2016 ad avere luogo nel vecchio continente. Un percorso davvero notevole quello di Mascetti che ha battuto con un waza-ari ed un ippon contro il lituano Marius Paskevicius, testa di serie numero quattro del tabellone e già medagliato di bronzo a Mondiali ed Europei, poi ai quarti ha approfittato dei tre shido inflitti al georgiano Giorgi Lazuashvili per qualificarsi in semifinale dove a sbarrargli la strada per l’ultimo atto è stato il forte brasiliano David Moura che si è imposto per yuko e poi ha conquistato pure l’oro. Nella finale per il bronzo, invece, Mascetti ha avuto la meglio con un waza-ari sull’uzbeko Elyor Masharipov. «Sono soddisfatto della prestazione – ha detto il 27enne atleta cresciuto nel Judo Frascati e ora appartenente al gruppo sportivo dei Carabinieri – anche perché devo fare i conti con un problema al dito e a una spalla che mi sono rotto tempo fa». Grazie al piazzamento di Sofia, Mascetti ha conquistato altri 40 punti nella speciale classifica della “qualifica olimpica”. «Al momento sono al 30esimo posto e a Rio de Janeiro andranno i primi 22. Proverò con tutte le mie forze a qualificarmi». Mascetti continua a essere in contatto con il maestro Nicola Moraci, presidente dell’Asd Judo Energon Esco Frascati. «Ci sentiamo abbastanza spesso, di Frascati ho sicuramente un ricordo piacevole e il primo maestro è sicuramente una figura importante per un atleta». Il forte judoka ora ricaricherà le pile e preparerà il doppio impegno in calendario a inizio marzo, vale a dire altre due tappe di qualificazione olimpica che si terrano in Sudamerica.