10 dicembre 2016

Nel turno infrasettimanale vincono tutte le big…. tranne i tifosi!

Il turno infrasettimanale non lascia spazio alle sorprese e ci presenta un panorama immutato tra le prime della classe: il Napoli, con un ottimo primo tempo, si sbarazza della  super incerottata Lazio e prosegue la marcia al comando della classifica timbrando il settimo successo di fila; le assenze di Allan ed Hysaj non hanno pesato ai fini del risultato finale ma sicuramente hanno evidenziato qualche sbavatura nell’economia del gioco degli azzurri: i laziali hanno affondato, più di una volta nella ripresa,  i colpi  su entrambi i lati del campo trovando nel trio Maggio-Strinic- David Lopez  interpreti troppo indecisi e propensi all’errore ed i modi molto sbrigativi, con tanto di palloni sparati in tribuna dal saggio Albiol, sono stati la classica cartina al tornasole, la dimostrazione  di un reparto difensivo meno sicuro ed autoritario del solito. Affrontare certi rischi con formazioni del livello della Lazio di ieri sera potrà, anche, non produrre danni ma quando ci si troverà al cospetto di avversari ben più dotati tecnicamente certi errori o tentennamenti difensivi non saranno assolutamente ammissibili. La Juventus, contro il Genoa, fa  la 13a vittoria di fila e continua a mordere i talloni degli azzurri: la lotta tra queste due squadre comincia a assumere connotati epici rendendo questo Campionato come uno dei più belli degli ultimi anni e vedrà  sicuramente, se gli arbitri non metteranno lo zampino sul risultato finale,  una degna vincitrice del tricolore. L’Inter, orfana del “Mancio” squalificato, torna all’antica e supera il Chievo con un risicato 1-0 ormai marchio di fabbrica nerazzurro e con questo risultato spera di svelenire un ambiente altamente surriscaldato. Milan e Roma,  superando rispettivamente Palermo e Sassuolo, danno forti segnali di ripresa mostrando di entrare, progressivamente, in sintonia con i propri allenatori e  continuano ad essere della partita terzo posto. La Fiorentina, quando tutti erano già pronti a sparare i titoli sull’ennesima “Lasagna” indigesta,  da buona squadra dei Della Valle fa le scarpe al Carpi  superando gli avversari all’ultimissimo secondo  grazie ad una prodezza del neo acquisto Zarate e  riafferra il  terzo posto: saranno, finalmente,  contenti i tifosi viola ?  Riposate in fretta, tra quattro giorni si torna in campo!