4 dicembre 2016

La Commissione Urbanistica ha discusso della delibera sulla modifica di alcune modalità di frazionamento in centro storico

La Commissione Urbanistica ha incontrato oggi l’Assessore al ramo Carmine Piscopo e il dirigente del Servizio Pianificazione Urbanistica Generale Andrea Ceudech, per approfondire il contenuto della delibera di Giunta 780/2015 che approva il documento strategico del preliminare di variante urbanistica relativa alla modifica di alcune modalità di frazionamento in centro storico. L’atto, ha assicurato l’Assessore, non contiene alcun ampliamento delle ipotesi di frazionamento già previste dal Piano regolatore vigente, intervenendo solo sulla possibilità di realizzazione degli accessi a più unità abitative risultanti dal frazionamento.

I dati a disposizione per il centro storico, ha spiegato Piscopo, fotografano una realtà caratterizzata dall’invecchiamento della popolazione e, allo stesso tempo, dall’aumento dei nuclei familiari a seguito di separazioni, con un’elevata presenza di appartamenti dalle quadrature di 150-200 metri quadrati che richiedono mantenimenti onerosi e che sono stati interessati nel tempo da vere e proprie vendite al di sotto dei prezzi di mercato o da interventi edilizi abusivi che hanno dato il via a procedure lunghe e farraginose per il ripristino della legalità. Per questo, con un intento di razionalizzazione, si è intervenuti con la delibera 780 che ha previsto la possibilità di frazionare l’immobile non solo lungo la maglia portante, come previsto oggi dalla normativa vigente, ma anche non agganciandosi necessariamente ad essa. Nessuna sanatoria di abusi edilizi, quindi, né via libera a cambi di destinazioni d’uso, ma solo una previsione nuova con riferimento esclusivo alle destinazioni residenziali.

La disciplina del frazionamento, ha aggiunto il Dirigente Ceudech, è contenuta nell’art. 22 del PRG, che lo consente all’infuori dei casi in cui lo stesso sia espressamente vietato. La disciplina delle tipologie fornisce indicazioni puntuali sugli interventi edilizi e sulle utilizzazioni compatibili, utilizzazioni che seguono un’altra disciplina. La nuova regolamentazione dell’art. 22 non amplia le ipotesi di frazionamento, prevedendo, invece, che per le tipologie residenziali, laddove sia possibile, il frazionamento possa avvenire nella maglia d’ingresso, permettendo così di recuperare un po’ di spazio. Nulla cambia, invece, rispetto ai titoli edilizi richiesti per i vari interventi che, a loro volta, sono consentiti solo nei limiti del PRG.

I consiglieri intervenuti hanno osservato: che il problema del centro storico con la sua alta concentrazione di case dalle grandi quadrature di difficile manutenzione richiedeva un intervento che restituisse legalità, evitasse le speculazioni e creasse un argine al progressivo degrado e spopolamento (Coccia); occorrevano interventi che tutelassero maggiormente il centro storico, mantenendo le sue caratteristiche ed evitando di stravolgere, con provvedimenti tardivi presi alla fine del mandato amministrativo, il patrimonio immobiliare esistente (Moretto); occorrerebbero maggiori dati per conoscere l’impatto del provvedimento sulla situazione esistente, ma resta l’apprezzamento per una previsione importante che non stravolgendo la filosofia del Piano regolatore sul centro storico, contribuisce a fare chiarezza (Parisi).

Per la Presidente della Commissione Teresa Caiazzo il riconoscimento dell’importanza del provvedimento non impedisce, però, di rilevare la necessità di un approfondimento sull’impatto dello stesso sugli assetti esistenti, sia in termini di aumento degli utilizzatori degli immobili sia di maggiori carichi urbanistici a seguito degli allacci di nuove utenze.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.