10 dicembre 2016

Fermiamo Cupinoro scrive al Commissario Prefettizio Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi

 

Gent.ma Dott.ssa Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi,

apprendiamo dalla stampa locale e viviamo con estrema preoccupazione le Sue ultime decisioni sulla spinosa e complessa vicenda che riguarda la discarica di Cupinoro.

Noi definiamo, quella di Cupinoro, una profonda ferita nel cuore del nostro territorio il cui sviluppo vorremmo si basasse sulle sue reali proprie vocazioni: turistica, agricola e culturale.

Lei avrà sicuramente avuto modo di approfondire e conoscere la questione, compresi gli sviluppi giudiziari che riguardano alcuni Amministratori della società che ha gestito la suddetta discarica negli ultimi anni, e quindi ci limiteremo a porLe una serie di quesiti su problematiche che, a nostro avviso, hanno una rilevanza non trascurabile. Ma prima ci corre l’obbligo di farLe conoscere un po’ di storia per fornire alcuni elementi utili alla Sua valutazione che, auspichiamo, non si limiti ad una visione solo tecnica e burocratica, ma contempli gli aspetti legali e, perché no, umani di tutta questa storia.

La discarica di Cupinoro è nata nel 1991 ed è stata gestita, fino al 2004, da una società privata, la SEL; siamo venuti a conoscenza dai media che uno dei dirigenti della SEL stessa è stato accusato di bancarotta fraudolenta e condannato a sette anni di reclusione.

Noi cittadini, che da sempre ci siamo opposti alla presenza della discarica in oggetto, ricordiamo perfettamente le interminabili file di camion lungo la Settevene Palo. Camion provenienti da Comuni che non avrebbero mai potuto scaricare il loro contenuto qui da noi. Sin da quegli anni capimmo che il business dei rifiuti era molto redditizio e che non guardava in faccia a nessuno, neanche al bene più prezioso che abbiamo: i nostri figli, il nostro futuro.

Nel 2004 la gestione dei rifiuti a Bracciano viene tolta alla SEL proprio a causa della malagestione del sito. Viene infatti segnalato da noi cittadini, e rinvenuto dai NOE, un grosso tubo che scaricava percolato nelle campagne circostanti il sito, dove ancora oggi pascolano quotidianamente ovini delle aziende agricole del posto.

Nasce quindi, con nostro plauso, la Bracciano Ambiente, una società pubblica partecipata al 100% dal Comune il cui Sindaco, in qualità di socio unico, avrebbe dovuto garantirne serietà e soprattutto il controllo pubblico sulle attività svolte in discarica. Quale sindaco, garante della salute pubblica, ignorerebbe tale principio? Per nostra esperienza, tutti. Tutti i sindaci che si sono succeduti, senza distinzione di sorta. L’obiettivo di ogni Amministrazione è stato quello di ampliare le attività riconducibili al trattamento dei rifiuti a Cupinoro. Nessuno ha mai indagato su quanto accaduto in precedenza. Purtroppo, i fatti del nostro paese Italia ci narrano di altre storie simili…

E’ di questi giorni la notizia, sempre appresa dalla stampa locale, che tre, fra dirigenti e tecnici della Bracciano Ambiente, siano stati rinviati a giudizio perché, come si legge nel capo d’imputazione, “…cedevano, ricevevano, trasportavano, esportavano, importavano o comunque gestivano abusivamente, cioè in mancanza della prescritta autorizzazione paesaggistica e del parere vincolante del Soprintendente, ingenti quantitativi di rifiuti urbani indifferenziati prodotti dalla raccolta differenziata urbana di 25 Comuni…”.

Ci chiediamo come abbia fatto il Consiglio dei Ministri a sottovalutare questa illegalità urbanistica lesiva, tra l’altro, del parere di un suo Ministero, il MIBACT, e chiediamo a Lei se non ritiene di dover tenere in considerazione tale elemento; forse il parere paesaggistico non serve più?

Ci chiediamo come sia stato inoltre possibile ignorare l’esistenza dei numerosi vincoli presenti sulla zona, in particolare gli usi civici, e che lo stesso Consiglio dei Ministri abbia prodotto due delibere distinte – di cui solo quella in cui è assente il riferimento a questo vincolo è stata posta alla firma del Presidente del Consiglio.

Da quanto apprendiamo, Lei ha avallato la decisione di avviare una procedura concorsuale per la gestione futura della discarica di Cupinoro; avverso il progetto di realizzazione dell’impiantistica prevista pende ancora un ricorso al TAR. Ci chiediamo e Le chiediamo cosa accadrebbe se, per nostra fortuna, il TAR esprimesse un giudizio contrario alla realizzazione del progetto in questione e, nel caso, chi ne pagherebbe le spese: sempre e comunque i cittadini? Oppure ci vedremo costretti a ricorrere alla Corte dei Conti?

Insomma, oltre al danno anche la beffa?

Fiduciosi nel Suo interessamento alle questioni sin qui esposte, rimaniamo a disposizione per un incontro in cui poter approfondire, documenti alla mano, ogni aspetto di questa vicenda.

Fermiamo Cupinoro

About Ruggero Terlizzi 2880 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it